Hera Spa finisce sotto inchiesta giornalistica a Report

di Davide Fabbri (*)

Ho seguito Report su Rai Tre domenica sera: un’inchiesta
giornalistica sulla holding affaristica Hera spa, società che gestisce diversi servizi ambientali per 180 Comuni. Leggete qua cosa scrivevo – cose ancora attualissime – nel 2007 (a quei tempi ero consigliere comunale): 
“Da un recente sondaggio, estremamente attendibile, emerge che il 70  per cento degli italiani non ha fiducia nei confronti della politica e
dei politici. A determinare questa sfiducia così estesa e profonda, sono certamente i costi enormi della politica: Governo, Parlamento, Regioni, Enti e Società per azioni come – ad esempio – Hera spa.

Hera spa, un esempio che fa soffrire.
Da queste brevi considerazioni, desidero rendere noto quello che
HERA  spa, la multiutility che gestisce i servizi ambientali della
nostra Regione, non ha mai reso pubblico: i compensi, enormi, dei
Consiglieri di Amministrazione, del Collegio Sindacale e del Direttore
Generale. Compensi quasi incredibili, che farebbero inorridire Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella, gli autori del fortunato libro “La casta”
sugli sprechi e sulle malefatte della politica nazionale e locale. Hera spa è il braccio operativo degli azionisti pubblici che detengono complessivamente il 57% delle proprietà del capitale sociale del
Gruppo Hera, rappresentati prevalentemente dai 196 Sindaci dei 196 Comuni enti soci della holding.
Chiedo alla stampa di dare risalto a questo quadro informativo sul
costo della politica in Hera spa, tratto dall’ultimo Bilancio Consuntivo dell’anno 2005: i cittadini devono sapere come vengono spesi i soldi della collettività. I dati sono sbalorditivi, quasi da non credere: i compensi netti corrisposti da Hera spa agli Amministratori nell’esercizio 2005  ammontano complessivamente a 2.427.000 euro, di cui 280.000 al Collegio Sindacale; inoltre il compenso corrisposto nell’anno 2005 al Direttore Generale ammonta a 296.000 euro. Credo che la Politica, quella con la P maiuscola, debba farsi carico di rivedere questi costi abnormi e ingiustificati: chi amministra la cosa pubblica deve proporre una drastica riduzione di tali costi, necessaria e urgente.
Chiedo al Sindaco di Cesena, membro dell’Assemblea dei soci di
Hera spa, di porre alla prossima Assemblea dei soci, la richiesta di riduzione di almeno il 50% dei costi del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale.
Il Consiglio di Amministrazione nel 2005 era formato da 14
persone; ora è formato da 18 persone.
Facciamo qualche esempio delle spese sostenute nel 2005:

TOMASO TOMMASI DI VIGNANO – Presidente – 285.000 euro,
MAURIZIO CHIARINI – Amministratore Delegato – 285.000 euro,
ROBERTO SACCHETTI – consigliere – 100.000 euro (consigliere
indicato dal Comune di Cesena).
Gli altri Consiglieri di Amministrazione hanno ricevuto fra i 74.000
euro e i 100.000 euro a testa”.

Cesena, 30 maggio 2007

(*) all’epoca consigliere comunale ecologista

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Un commento

  • Noi del Gas di Lugo assieme a quelli di Faenza e Ravenna e Imola da qualche mese ci stiamo attivando per riuscire a boicottare HERA per tutta la questione del Matrix di Conselice. La campagna si chiama ” Allora cambio” per ora le adesioni non sono alte.
    Speriamo che il servizio di Report dia slancio alla nostra campagna.
    Nevio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.