IMPRUDENZA (di Pabuda)

ho lasciato dei miei cartoni dipinti

ad asciugare sul davanzale.

è successo che è cambiato il tempo

e un acquazzone

ha come fatto esplodere tutti i disegni.

i cadaveri straziati dei bozzetti colavano

sangue multicolore.

mi toccherà

ridipingere quei cartoni

e

ascoltare le previsioni

e

(quasi dimenticavo) trovare un sistema

– rapido ma efficiente –

per riportare al suo grigio abituale

l’ormai iridescente davanzale.

Pabuda
Pabuda è Paolo Buffoni Damiani quando scrive versi compulsivi o storie brevi, quando ritaglia colori e compone collage o quando legge le sue cose accompagnato dalla musica de Les Enfants du Voudou. Si è solo inventato un acronimo tanto per distinguersi dal suo sosia. Quello che “fa cose turpi”… per campare. Tutta la roba scritta o disegnata dal Pabuda tramite collage è, ovviamente, nel magazzino www.pabuda.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.