Isis minaccia arriviamo a Roma: le due tribù

di Alessandro Ghebreigziabiher (*)

AlessandroGhebrei
Mentre buona parte del Paese discute e si angoscia innanzi al temuto hashtag #We_Are_Coming_O_Rome da parte dei terroristi islamici, nel mondo che resta la vita prosegue.
Il più delle volte deve, altrimenti il frigo rimane vuoto.
Tale paradossale composizione di esistenze muove la mia immaginazione verso il seguente racconto…
C’era una volta un’isola.
Sull’isola c’erano due tribù.
Le due tribù erano diverse.
C’è poco da aggiungere.
Essendo diverse, vivevano in modo differente.
Una aveva scelto il punto più in alto dell’isola.
La cima della montagna.
E non per amore dell’aria buona, sia ben chiaro.
Gli abitanti di sopra non sceglievano il sopra in obbedienza alla passione per qualcosa, bensì al timore di essa.
E laddove sia la paura a condizionare il battito del tuo cuore, piuttosto che l’interesse per tutto fuorché il già noto, c’è poco da rilassarsi.
Difficile farlo, allorché si trascorra la maggior parte del tempo con entrambi gli occhi fissi all’orizzonte.
In attesa dell’inevitabile arrivo di lui.
Il terrificante nemico invasore.
Al contrario, la tribù di sotto viveva di sotto.
Anche qui, non v’è tanto da addurre.
In particolare, gli abitanti si erano sistemati sulla spiaggia.
Adoratori del mare in ogni sua manifestazione, costoro pregavano il dio delle onde, ma non come si fa dalle nostre parti.
Che so, per chiedere qualcosa o vedere esaudito quest’altro.
Per maledirlo in caso di insoddisfatta supplica.
O tirarlo in ballo per vietare qualcosa a chicchessia.
Quelli di sotto pregavano il mare spinti da un solo sentimento, la gratitudine, e per una sola ragione, sintetizzata dalla frase di rito: grazie delle onde.
E non perché fossero dei provetti surfisti, sia ben chiaro.
Ci avevano anche provato, ma erano incapaci.
Pure qua, niente da evidenziare.
Ringraziavano le onde perché è esattamente così che vedevano loro stessi.
Gente che va e che arriva, senza differenza tra le due cose, esattamente come la danza del mare che sospinto dal vento muore sulla riva.
E un attimo dopo resuscita.
Senza alcun bisogno di miracoli.
Venne un giorno in cui il capo della tribù di sopra chiese di incontrare il corrispettivo degli abitanti di sotto e con tutti i suoi compagni scese a valle.
“Collega”, disse agitato, “tu e i tuoi pari siete degli incoscienti. Non avete alzato barriere, non avete costruito armi e non avete addestrato eserciti. I barbari arriveranno dal mare e vi uccideranno tutti.”
“E tu come lo sai?” domandò l’altro.
“Come lo so? C’è scritto dappertutto. L’abbiamo letto nelle stelle, abbiamo tirato in aria le conchiglie e letto la combinazione, abbiamo ascoltato il verso dell’upupa, abbiamo sacrificato ben sei capre e bevuto il sangue, anche lo sciamano è d’accordo. Perfino sul foglietto che abbiamo trovato nella bottiglia c’è scritto se vi prendo vi ammazzo.”
“Ma quello è stato è mio figlio. Ce l’ha con le tracine perché l’hanno punto…”
“Ah… d’accordo, ma vale tutto il resto.”
Il capo della tribù voleva sforzarsi di essere cortese con il collega, se non altro per ragioni di buon vicinato, e tentò di far leva sulla propria apprensione.
Così, per pura empatia, finse di mostrarsi preoccupato e curioso.
“Amico, dimmi, ti prego: come sono fatti questi barbari?”
“Sono alti e pelosi, sono incivili e non hanno rispetto per la nostra cultura e le nostre tradizioni, dove vanno distruggono tutto e se ne vanno via impuniti.”
“Papà…” fece in quell’istante il figlio del capo di sotto, che aveva ascoltato tutto per filo e per segno.
“Caro, non vedi che sto parlando?”
“Sì, ma volevo dirti che ha ragione.”
E tutti seguirono l’indice della mano destra del bambino sino alla montagna della tribù di sopra, le cui case erano in fiamme.
Erano arrivati davvero, gli invasori, pelosi e incivili.
Si chiamavano olandesi.

(*) Alessandro Ghebreigziabiher è sempre ospite della “bottega” ma se vi fosse sfuggito che (nella colonna di sinistra) c’è un link fisso alle sue «Storie e notizie»… eccone una. Un consiglio: abituatevi a cercarlo quel link, le sue storie meritano sempre. E se vedete che è in giro con qualche narrazione o laboratorio… non fatevelo scappare: stramerita. Poi ci sono i suoi libri e anche quelli valgono assai. Questo non è uno spot ma solo un doveroso (e piacevole) servizio in-formativo.

Ah, se qualcuno leggerà fra un mese, un anno o un secolo questo post magari non capirà perché Alessandro Ghebreigziabiher “ce l’ha” tanto con gli olandesi. In realtà è il contrario: sono gli olandesi (alcuni ultrà, certo non l’intera Olanda; come in occasioni analoghe non l’intero Islam o l’intera cristianità o tutti i buddisti) che “ce l’hanno” con Roma e le sue pacifiche, belle fontane. E mentre tutti parlavano dell’Isis ecco il casino a Roma, per una partita di calcio. Così come i grandi media si dilungano sul ladro di biciclette… mentre governi e padroni ci succhiano il sangue. (db)

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Un commento

  • Daniele Barbieri

    vedo in rete vari messaggi (non firmati) del tipo:
    DIFENDIAMO L’ ITALIA DALLE ORDE MISCREDENTI DI CALVINO E DI CROMWELL !!!! UNA AGGRESSIONE VERA E PROPRIA, ORGANIZZATA DA BANDE CRIMINALI DI CALVINISTI ANTI-CRISTIANI PROVENIENTI DAL NORD-EUROPA, SI E’ SVOLTA A ROMA, SOTTO I NOSTRI OCCHI, IN CENTINAIA ACCANENDOSI CON ARMI DI DISTRUZIONE CONTRO I SIMBOLI DELLA NOSTRA FEDE….
    E’ STATA PRESA DI MIRA, INFATTI, FRA ALTRI LUOGHI DEL CENTRO STORICO, PROPRIO PIAZZA DI SPAGNA, OVE SVETTA IL SIMBOLO DELLA MADONNA IMMACOLATA TRIONFANTE, E LA FAMOSA BARCACCIA DEL MASSIMO ARCHITETTO, GIANLORENZO BERNINI, AL QUALE SI DEVE ANCHE IL COLONNATO DI PIAZZA SAN PIETRO eccetera
    … non mi è chiaro se si tratta di ironia (ci aspettavamo l’Isis ed ecco gli olandesi, cone in questo bel post di Alessandro) o di una provocazione-follia. Ma se pure qualcuno credesse davvero che anche lo scontro ultrà-polizia è ascrivibile alle “guerre di religione”… beh sarebbe un seghnale interessante per capire a che basso livello di analisi stiamo precipitando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.