Merda secca (3)

Se avete la passione delle fotografie probabilmente conoscete Ruth Orkin. Può darsi che abbiate visto una delle sue più celebri istantanee «Ragazza americana in Italia», scattata a Firenze il 12 agosto 1951 magari senza sapere chi l’abbia scattata: si può dimenticare chi fece il clic, non la foto.

Io la vedo ogni giorno perchè Tiziana l’ha voluta, in un grande poster, subito fuori dalla porta della nostra casa, come per dire «qui non entra».

Immagine deprimente, persino agghiacciante: una donna che cammina da sola è oggetto per risate e sguardi dei maschi di ogni età (se ne vedono 14, quasi tutti rivolti verso di lei, nella foto originale).

Se volete rinfrescarvi la memoria, trovate «Ragazza americana in Italia» facilmente anche in rete.

Dal 1951 al 2012.

Pochi giorni fa ho visto su un quotidiano italiano la pubblicità di Proraso. Sotto l’immagine si legge «American girl con ammiratori italiani. Probabilmente appena rasati con Proraso. Un classico». Sopra «E’ tipicamente italiano». In mezzo proprio la foto di Ruth Orkin. Un po’ tagliata però, in modo che i molestatori risultino “solo” 10 anzichè 14.

Tipicamente italiano infatti.

BREVISSIMA NOTA

«Merda secca» è una rubrica inaugurata, il 16 maggio, con una lettera (di Andrea Mingozzi) rivolta al sindaco di Faenza. Se il titolo non vi fosse chiaro… o se vi sfuggisse il collegamento tra Forza Nuova e questa geniale pubblicità della Proraso … credo che abbiate sbagliato blog. (db)

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.