Roma, corteo del 25 aprile: chi esclude chi

della RETE ROMANA DI SOLIDARIETA’ CON IL POPOLO PALESTINESE

La Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese esprime ancora una volta il proprio rammarico per la mancata partecipazione anche quest’anno della Comunità Ebraica Romana alle celebrazioni del 25 Aprile organizzate dall’Anpi.

Come è avvenuto negli scorsi ultimi anni, l’autonoma ed unilaterale decisione della Comunità Ebraica ha rotto l’unità del fronte romano antifascista che la Presidenza Romana dell’Anpi ha sempre perseguito e che quest’anno sembrava ricomposta. Per come si è manifestata, la presa di posizione della Comunità Ebraica rivela senza possibilità di dubbi “chi esclude chi” e fa definitivamente giustizia della falsa vulgata con la quale negli anni scorsi si è ripetutamente tentato, ribaltando la verità dei fatti, di sostenere che sarebbero state la Comunità Palestinese di Roma e del Lazio e l’associazionismo che milita a supporto della Resistenza Palestinese a volere escludere dal Corteo dell’Anpi, contestandola, la partecipazione della Comunità Ebraica, dell’Associazione dei sopravvissuti alla Shoa e della Brigata Ebraica.

La realtà è che la presenza della bandiera del Popolo Palestinese nel corteo del 25 Aprile, qualificando quel popolo come resistente, costituisce un atto di accusa contro l’occupazione israeliana dei Territori Palestinesi, più volte dichiarata illegale da Risoluzioni dell’Onu e da atti ufficiali dell’Unione Europea. E’ per negare questa realtà che si cerca di contestare la presenza dei Palestinesi nelle celebrazioni del 25 Aprile e di farli apparire come “intrusi” nel corteo dell’Anpi. Ma il 25 Aprile non è solo la commemorazione di un evento glorioso ma passato; è da sempre la celebrazione della LIBERTA’ e per questo raccoglie, ed ha sempre raccolto, tutti coloro che lottano per la Libertà propria e di tutti i popoli oppressi.

Per questo motivo la Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese riafferma con forza la piena legittimità della presenza anche dei Palestinesi nella Festa della Liberazione e ribadisce la propria ferma opposizione e la propria intransigente lotta ad ogni forma di discriminazione razziale, in primo luogo all’antisemitismo che ne è, senza dubbio, una delle forme più spregevoli.

Roma 26 Aprile 2018

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Un commento

  • Claudio Scaffidi-Argentina

    Nel nostro vivere quotidiano mi trovo sempre diviso tra il contributo che posso dare-legato al mio essere sociale contingente-e quello che dovrei dare-sempre teso ad analizzare,evidenziare e risolvere i problemi cruciali,generali e perciò alla base di ogni essere sociale nel mondo e del mondo.
    Gli Ebrei scelgono di essere come gli Americani di questo periodo:sono la contraddizione evidente di quelle immagini positive che erano nel nostro immaginario creato dal periodo successivo al dopoguerra?….
    Quando nasce questa domanda è evidente che tutto è già successo: gli usa sono il paese più pericoloso al mondo per la pace tra i popoli e lo stato di israele ne è una muta – e brutale- pedina.
    Per questo consiglierei agli ebrei di roma ed agli americani tutti, di dare sempre il contributo migliore- più onesto- nelle nostre piccole competenze,ma con lo sguardo che punta lontano…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.