Sciopero delle donne: una settimana ancora

Manca una settimana allo sciopero delle donne, evento che si spera epocale (sta a noi farlo diventare tale). Ieri nella trasmissione “Caterpillar” ne ha parlato Barbara Romagnoli, una delle tre donne che mesi fa lo ha lanciato. Potete ascoltarla qui:

 http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-e1433b69-2647-478e-9f76-ce99493a6c0d.html

e qui

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-e1433b69-2647-478e-9f76-ce99493a6c0d.html

Ognuna e ognuno il 25 novembre può organizzare qualcosa o partecipare a una delle tante iniziative che si stanno preparando, oppure indossare qualcosa di rosso e spiegarne il perché a chi ne chiedesse la ragione; oppure interrompere per qualche minuto quel che sta facendo per proporre una discussione sulla tragedia quotidiana del femminicidio, o ancora appendere uno striscione o un drappo alla propria finestra o balcone, stampare poche righe per distribuirle agli amici ecc.

Bisogna farsi sentire, gridando la propria indignazione o anche solo sussurrandola. In ogni modo essendo protagonisti e non più spettatrici/spettatori.

Per maggiori informazioni andare ai link:

===sciopero

http://www.scioperodelledonne.it/

http://scioperodonne.wordpress.com/

Si può aderire allo “sciopero” scrivendo a scioperodonne2013@gmail.com

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.