Scor-data: 11 novembre 1887

Impiccati i martiri di Chicago

di Energu (*)

 

Lavoro(scor.)[1]

 

 

 

 

 

 

 

 

(*) Ricordo – per chi si trovasse a passare da qui per la prima volta – il senso di questo appuntamento quotidiano. Dall’11 gennaio 2013, ogni giorno (salvo contrattempi sempre possibili) troverete in blog a mezzanotte e un minuto una «scordata» – qualche volta raddoppia, pochi minuti dopo – di solito con 24 ore circa di anticipo sull’anniversario. Per «scor-data» si intende il rimando a una persona o a un evento che per qualche ragione il pensiero dominante e l’ignoranza che l’accompagna dimenticano o rammentano “a rovescio”.

Molti i temi possibili. Ad esempio, nel mio babelico archivio, sull’11 novembre avevo ipotizzato: 1131: concilio di Reims che fra l’altro vieta ai monaci di studiare medicina; 1620: Mayflower; 1761: nasce Filippo Buonarroti; 1821: brano di Galeano su Dostoevskij; 1835: caccia al gitano(cfr Stella); 1869: nasce Gaetano Bresci;  1918: armistizio;  1920: «Milite ignoto» (cfr brano di Galeano);  1932: muore Augusto Murri; 1961: la strana storia degli italiani uccisi a Kindu; 1975: Angola indipendente;  1979: sentenza del Trib permanente dei popoli sul Sahara occidentale; 2005: muore Moustapha Akkad.  E chissà a ben cercare quante altre «scordate» salterebbero fuori.

Molte le firme (non abbastanza forse per questo impegno quotidiano) e assai diversi gli stili e le scelte; a volte troverete post brevi: magari solo una citazione, una foto o un disegno. Se l’idea vi piace fate circolare le «scordate» o linkatele ma ovviamente citate la fonte. Se vi va di collaborare – ribadisco: ne abbiamo bisogno – mettetevi in contatto (pkdick@fastmail.it) con me e con il piccolo gruppo intorno a quest’idea, di un lavoro contro la memoria “a gruviera”. (db

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.