Davide Fabbri non diffamò

IL TRIBUNALE DI FORLI’ ARCHIVIA LA QUERELA NEI SUOI CONFRONTI.

riceviamo (dagli amici di Fabbri) e pubblichiamo

L’ex consigliere comunale di Cesena Davide Fabbri – blogger indipendente, nonché portavoce del Comitato Difesa Risparmiatori Cassa Risparmio Cesena – era stato querelato nell’ottobre 2016 da Vincenzo Minzoni di Lugo, ex presidente del collegio dei revisori dei conti della Cassa Risparmio Cesena, fra i rinviati a giudizio nel processo penale contro gli ex vertici della banca che inizierà a gennaio.
La querela era stata presentata per un articolo pubblicato da Fabbri nel luglio 2016 in cui si commentavano le vicende dell’istituto di credito cesenate. A maggio scorso, il Pubblico Ministero Federica Messina aveva richiesto l’archiviazione, ritenendo che Fabbri non avesse diffamato il Minzoni, avendo esercitato legittimamente il diritto di critica. Nei giorni scorsi, davanti al G.I.P. di Forlì Giorgio Di Giorgio, si è tenuta l’udienza fissata in seguito all’opposizione presentata dalla difesa della persona offesa. Il Tribunale ha disposto l’archiviazione, condividendo le valutazioni del Pubblico Ministero e della difesa dell’indagato, avendo Fabbri utilizzato espressioni “funzionali all’esercizio di un diritto di critica”, che “alludeva a un importante fatto di cronaca concernente un noto istituto di credito romagnolo e come tale di evidente interesse pubblico locale”.
Davide Fabbri era difeso dagli avvocati Paolo Vettori e Patrick Francesco Wild. “Ci riteniamo pienamente soddisfatti ” – dichiarano i due legali. “Fin dal momento in cui abbiamo appreso che il nostro assistito era stato querelato, abbiamo sempre sostenuto che la sua condotta, dura nei toni ma mai gratuitamente offensiva, non avesse in alcun modo travalicato il legittimo esercizio del diritto di critica. Siamo lieti che, oltre a un giudice, anche lo stesso Pubblico Ministero abbia considerato del tutto priva di rilevanza penale la seria e approfondita attività di inchiesta, informativa e politica del blogger Davide Fabbri. Riteniamo che questo provvedimento restituisca giustizia all’attività di Fabbri e, in ultima analisi, che consenta di riaprire (anche a Cesena) una seria discussione sulla libertà di espressione e sulla mancanza di serie tutele per chi svolge attività informativa e critica in maniera indipendente.”
Davide Fabbri, nel commentare positivamente la decisione del Tribunale di Forlì, afferma che “non è più tollerabile, sia sul piano umano che su quello politico, continuare a subire pressioni attraverso lo strumento delle querele – che poi si rivelano infondate, come in questo caso – e delle richieste di risarcimento danni in sede civile che raggiungono livelli spropositati, del tutto fuori da ogni logica. L’iniziativa di chi fa denunce di questo genere è riconducibile in larga misura ad azioni strumentali, che compromettono la serenità di una persona come me, un blogger indipendente che fa inchieste per il bene della città, con grave incidenza sul diritto di libera espressione del pensiero e informazione, essenziale in un regime democratico.”
“La decisione del Tribunale di questi giorni – conclude Fabbri – mi è utile per ritrovare energie e determinazione per l’attività che svolgo con passione e rigore”.

NOTA DELLA BOTTEGA

Sul crac (parola da non confondere con crack che indica un cavallo da corsa vincente e non è il nostro caso oppure indica la cocaina in cristalli e chi lo sa se gira pure a Cesena) dalle parti di alcuni banchieri romagnoli si è più volte parlato qui in “bottega” attraverso i post di Fabbri; come pure si è spiegato che le querele milionarie (chi passa spesso di qui ricorderà “il caso Goliad contro David” che deve ancora sciogliersi in tribunale) sono un evidente strumento di intimidazione. Noi bottegarde/i restiamo in attesa che Fabbri torni attivo com’era. Ne gioverebbe Cesena e  non solo.

LE VIGNETTE – scelte dalla bottega – di Vincenzo Apicella non si riferiscono a Cesena ma alle banche più in generale (e la parola “generale” potrebbe anche rimandare ai militari visto che fra banchieri e guerre scorrono rapporti ottimi ma questo i grandi media lo celano quasi sempre mentre noi cerchiamo di ricordarlo almeno un po’ a tutte/i…)

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *