Lettera ai cappellani militari, Lettera ai giudici – Lorenzo Milani

due lettere di don Milani (a cura di Sergio Tanzanella) – a 50 anni dalla morte, il 26 giugno 1967

di Francesco Masala

Lettera ai cappellani militari, Lettera ai giudici è un libro di Lorenzo Milani pubblicato da Il Pozzo di Giacobbe, curato da Sergio Tanzanella.

Lorenzo Milani aveva letto la lettera dei cappellani militari, decide di rispondere e scrive la lettera ai cappellani militari, la sua lettera viene diffusa e pubblicata, Lorenzo Milani viene denunciato, lui scrive una lettera ai suoi giudici, non viene condannato solo perché è morto.

Tutta la storia con i documenti viene ricostruita e contestualizzata da Sergio Tanzanella.

Avevo letto (e riletto) i libri di Lorenzo Milani e le lettere alla fine degli anni settanta, e non me ne sono più dimenticato, e quindi rileggere ancora un libro di e su don Milani mi sembra una cosa bella e utile.

Questo libro sarà per moltissimi persone, che non sanno o non ricordano questa storia, una scoperta di un mondo paradossale, che è quello reale, con i preti che benedicono le guerre.

A pagina 89 il curatore cita le parole, nel 1956, di Pio XII: ”un cittadino cattolico non può appellarsi alla propria coscienza per rifiutare di prestare i servizi e adempiere i doveri fissati per legge”.

(Interessante come la Chiesa cattolica qualche anno dopo dicesse esattamente l’opposto a proposito di un’altra legge dello Stato, ma questo è un altro discorso)

Don Milani è come il bambino che dice che l’imperatore non ha i vestiti, come il Grillo Parlante per Pinocchio, criticare le guerre e chiamare assassino chi uccide non si può dire, a don Milani gliela hanno fatta pagare.

A 50 anni dalla morte (il 26 giugno del 1967), pochi giorni fa, come accade ai profeti o ai disertori, arriva il sigillo della santità, o quasi, con la visita e le parole di papa Francesco a Barbiana (leggi qui e qui).

ecco due filmati interessanti su Lorenzo Milani, dal sito della Rai:

Lorenzo Milani, vita di un prete scomodo (qui)

Lorenzo Milani raccontato dai suoi allievi (qui)

MA COSA SONO LE «SCOR-DATE»? NOTA PER CHI CAPITASSE QUI SOLTANTO ADESSO.
Per «scor-data» qui in “bottega” si intende il rimando a una persona o a un evento che il pensiero dominante e l’ignoranza che l’accompagna deformano, rammentano “a rovescio” o cancellano; a volte i temi possono essere più leggeri ché ogni tanto sorridere non fa male, anzi. Ovviamente assai diversi gli stili e le scelte per raccontare; a volte post brevi e magari solo un titolo, una citazione, una foto, un disegno. Comunque un gran lavoro. E si può fare meglio, specie se il nostro “collettivo di lavoro” si allargherà. Vi sentite chiamate/i “in causa”? Proprio così, questo è un bando di arruolamento nel nostro disarmato esercituccio. Grazie in anticipo a chi collaborerà, commenterà, linkerà, correggerà i nostri errori sempre possibili, segnalerà qualcun/qualcosa … o anche solo ci leggerà.
La redazione – abbastanza ballerina – della bottega

 

Francesco Masala
una teoria che mi pare interessante, quella della confederazione delle anime. Mi racconti questa teoria, disse Pereira. Ebbene, disse il dottor Cardoso, credere di essere 'uno' che fa parte a sé, staccato dalla incommensurabile pluralità dei propri io, rappresenta un'illusione, peraltro ingenua, di un'unica anima di tradizione cristiana, il dottor Ribot e il dottor Janet vedono la personalità come una confederazione di varie anime, perché noi abbiamo varie anime dentro di noi, nevvero, una confederazione che si pone sotto il controllo di un io egemone.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *