10 modi per sconfiggere i ruoli di genere

di Mickey Z. (*)

gender-IMMAG

Ammettiamolo, ogni qualvolta sentiamo di qualcuno che “lancia una sfida ai ruoli di genere”, spesso ci sembra così. O forse persino così. Ora, non sono qui a fare un’invettiva contro guyliner (l’eyeliner – delineatore degli occhi – per uomini), ma vorrei proporre con forza che per un genere rivoluzionario e anticonformista dovrebbe affrontare, sfidare e cambiare i più comuni e pericolosi comportamenti maschili.

Pensando a questo, ecco i #ff6600;">dieci semplici ma radicali modi con cui gli uomini possono iniziare da subito:

1. Non stuprare e non essere un difensore dello stupro (il 99.8 per cento di coloro che sono in carcere per stupro negli Stati Uniti sono uomini e 0 per cento di questi stupratori hanno commesso la loro atrocità perché “la vittima l’aveva chiesto”).

2. Non uccidere le donne (o gli uomini, o i bambini, insomma chiunque).

3. Non essere un pedofilo.

4. Non aggredire fisicamente o emozionalmente la tua partner.

5. Non fregatevene della pornografia: non fate in modo che i ragazzi accedano alla pornografia.

6. Non essere un john; non accettare i mantra post-moderni sulle donne/ragazze che si prostituiscano e la “scelta” e non erotizzare il dolore, la paura e la vergogna via BDSM e “perversione”.

7. Non raccontare barzellette misogine o usare un linguaggio misogino o permettere ad altri uomini di farlo in tua presenza.

8. Non molestare con nomignoli, sguardi maschili;

9. Non chiamarti femminista, non dire neanche mai “non tutti gli uomini” e non farti includere in “conversioni patriarcali”.

10. Non entrare negli spazi sicuri “solo ragazze”.

Bonus: non essere troppo orgoglioso di te per aver aderito a queste linee guida perché sono proprio le ultime cose che un uomo possa fare per sfidare i già citati ruoli di genere. Lo ripeto. Questo. È. L’assoluto. #ff6600;">Minimo. Che possiamo. Fare.

gender-photo

Visto che avete la lista dei dieci NON da seguire, #ff6600;">ecco i dieci da fare:

1.#ff6600;"> Ascolta, convalida, rispetta, apprezza, fidati e difendi le donne.

2. #ff6600;">Impara dalle donne.

3. #ff6600;">Riscopri come essere silenzioso, come abbandonare le luci della ribalta, il palco, il microfono, la piattaforma.

4. #ff6600;">Supporta le donne e le ragazze in ogni sforzo per combattere il patriarcato.

5. Facciamo il lavoro di autoeducarci ed imparare a riconoscere le connessioni profonde, le radici.

6. Impegnati a sconfiggere e abbandonare tutta la socializzazione e il privilegio che ti vengono attribuiti automaticamente per il fatto di esser nato uomo.

7. Rifiuta il paradigma della mascolinità e smetti di adeguarti agli ideali e condizionamenti da macho.

8. Identificati.

9. #ff6600;">Disimpara.

10. Evolvi (ogni giorno, tutti i giorni).

#ff6600;">Tutto ciò (e altro) ci fa raggiungere la comprensione profonda che il genere sia una costruzione sociale, ideata per opprimere. Un’oppressione top-down: uomini, come classe, che opprimono donne in quanto classe. Al fine di provocare un cambio sociale autentico e sostenibile, il genere deve essere abolito e gli uomini devono giocare il ruolo principale in questa ribellione epica.

11224276_1014786551885088_7537270066772154594_o

(*) ripreso da «Comune Info». Mickey Z, ovvero Michael Zezima, è scrittore ma anche giornalista e fotografo, e vive a New York. Vegano, è autore di oltre dieci libri; fra quelli tradotti in Italia «Salvate Il Soldato Potere: I falsi miti della Seconda Guerra Mondiale» (Il Saggiatore). «Comune Info» è il sito in Italia al quale invia periodicamente i suoi articoli. Questo articolo, tradotto da Italia Deiana, è apparso – con il titolo «10 Easy Ways for Men to Smash Gender Roles») su WorldNewstrust.com.

DA LEGGERE (su «Comune-info»)

Smettiamo di parlare di genere o di gender Lea Melandri

Diciamo: uomini e donne, mariti e mogli, fidanzati e fidanzate. Perché è di questo che si tratta: di rapporti di potere confusi perversamente con l’amore. La violenza abita case, famiglie, sessualità. C’è bisogno di una rieducazione sentimentale

L’effetto Lolita. Una proposta per le scuole Meenakshi Gigi Durham

Sessualizzazione mediatica dei minori: cosa possiamo fare

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.