1600 morti sul lavoro in 15 mesi di governo

di Carlo Soricelli (*)

Nell’indifferenza generale. Ancora due morti per esalazioni in provincia di Matera

BASTA

Appello a Conte, Zingaretti, Grasso, Fratoianni e Bersani: mandate un segnale forte contro la strage di lavoratori

 Sono stati estratti senza vita, dal pozzo-cisterna dove stavano lavorando, i due operai che hanno avuto un incidente ad Aliano, in provincia di Matera

I due operai erano scesi in un pozzo – è stato spiegato dai Vigili del fuoco – profondo circa dieci metri e sono rimasti uccisi dalle esalazioni. Avevano 52 e 53 anni.

 

Finalmente l’Italia volta pagina. Da curatore dell’Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro http://cadutisullavoro.blogspot.it mi sono sentito sollevato quando ho saputo delle dimissioni di questo governo che non ha mostrato nessun interesse per le tragedie delle morti sul lavoro. Mai si sono sentiti i ministri del lavoro Di Maio e delle Politiche Agricole Centinaio dire o fare qualcosa contro questa autentica strage: in neppure 15 mesi di governo sono morti per infortuni sul lavoro oltre 1600 lavoratori, di questi quasi la metà sui luoghi di lavoro, 202 hanno perso la vita schiacciati dal trattore che guidavano.

Centinaio, un ministro leghista che lo vedevamo in diverse trasmissioni televisive a parlare della crisi gialloverde, ma mai si è sentito spendere una sola parola contro questa strage nella strage: un morto su cinque sui luoghi di lavoro perde la vita ogni anno guidando il trattore, oltre il 30% di tutti i morti sui luoghi di lavoro ogni anno muore nel settore agricolo. Ma anche il Ministro del Lavoro Di Maio non ha mostrato sensibilità verso questa strage dell’indifferenza, che con un po’ d’impegno si potrebbe dimezzare: ha addirittura tolto risorse all’Inail a favore degli industriali e se ne vantava anche sui social.

Nei 12 anni di monitoraggio di queste vittime si sono alternati governi di ogni colore: ma nessuno si è mai impegnato per alleviare queste tragedie. In questi 12 anni sono morti oltre 16000 lavoratori, sui luoghi di lavoro e sulle strade. I lavoratori non hanno più nessuna rappresentanza politica, e nonostante siano oltre 20 milioni. Speriamo che nel nuovo governo ci siano ministri competenti, attenti a queste tragedie, ma soprattutto che dimostrino umanità verso i morti sul lavoro, che mettano risorse e cuore: è intollerabile questa indifferenza di chi ci governa che porta un lutto atroce in oltre 1000 famiglie ogni anno. Occorrerebbe contattare i familiari di queste vittime e lo strazio che sopportano ogni giorno della loro vita per rendersi conto di quello che passano. Loro sanno cos’è l’inferno sulla terra. Conte, Zingaretti, Grasso, Fratoianni, Bersani  mandate un segnale forte ai lavoratori: che la loro vita vi sta a cuore.

(*) ripreso da https://cadutisullavoro.blogspot.com/…/1600-morti-sul-lavor…

LE IMMAGINI SONO RIPRESE DAL BLOG DI SORICELLI. I DUE COLLAGE – SCELTI DALLA “BOTTEGA” – SONO DI BENIGNO MOI

Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro

Aperto il 1° gennaio 2008 dal metalmeccanico in pensione Carlo Soricelli per ricordare i sette lavoratori della Thyssenkrupp di Torino morti poche settimane prima bruciati vivi.

La storia. Poco dopo l’una di notte del 6 dicembre, sulla linea 5 dell’acciaieria di Torino sette operai vengono investiti da una fuoriuscita di olio bollente, che prende fuoco. I colleghi chiamano i vigili del fuoco, all’1.15 arrivano le ambulanze del 118, i feriti vengono trasferiti in ospedale. Alle 4 del mattino muore il primo operaio, si chiamava Antonio Schiavone. Nei giorni che seguiranno, dal 7 al 30 dicembre 2007, moriranno tra atroci sofferenze a causa dall’olio bollente che ne aveva devastati i corpi: si chiamavano Giuseppe Demasi, Angelo Laurino, Roberto Scola, Rosario Rodinò, Rocco Marzo e Bruno Santino.

L’Osservatorio ha registrate le morti sui luoghi di lavoro di tutti i lavoratori morti dal 1° gennaio 2008

http://cadutisullavoro.blogspot.it – L’Osservatorio indipendente di Bologna è su Facebook

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

3 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.