Pabuda: A Brand New Dance

è scandalo, è scandalo!
nel groviglio allentato dei vicoli,
in quel garbuglio ubriaco,
nel buio incerto del dedalo:
si è propagato dal porto
in tutti i bar e in ogni bordello.
è un ritmo, è un ballo,
è una nuova corrente
che va dritta al cervello
ma intanto scuote le scarpe,
le ginocchia, il sedere e le spalle.
apparentemente fa:
uot e bam bam,
uot e bam bam,
uot e bam bam, iieaa!
ma anche:
stagadan, stagadan,
paparapapapaaaa…
uuiiii!
è un ritmo è un ballo,
è un invito del diavolo
che più si srotola
e più t’avvolge:
è un ballo, è bello…
cikidin, cikidan,
zu, zumpa e let plaan!.
neri marinai, scaricatori rossicci
paga spendono, musica spandono
e le ragazze li afferrano
tra bianchissime braccia
per respingerli presto
come molle che scattano
per ballare quel ballo che è scandalo!

Pabuda
Pabuda è Paolo Buffoni Damiani quando scrive versi compulsivi o storie brevi, quando ritaglia colori e compone collage o quando legge le sue cose accompagnato dalla musica de Les Enfants du Voudou. Si è solo inventato un acronimo tanto per distinguersi dal suo sosia. Quello che “fa cose turpi”… per campare. Tutta la roba scritta o disegnata dal Pabuda tramite collage è, ovviamente, nel magazzino www.pabuda.net

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.