Anni di piombo o stragi di Stato?

UNA LETTERA DI INTELLETTUALI FRANCESI A PROPOSITO DELLA RICHIESTA ITALIANA PER L’ESTRADIZIONE DEGLI ESILIATI POLITICI IN FRANCIA

dal quotidiano «Le Monde» martedì 20 aprile 2021. Segue un commento di “Croceorsa” e una noticina della bottega.

 

Sono arrivati in Francia per la maggior parte all’inizio degli anni ’80, più di quarant’anni fa. Hanno partecipato all’enorme ondata di contestazione politica e sociale che ha profondamente segnato l’Italia durante il decennio successivo al 1968. Provenivano da gruppi (politici) diversi, avevano dietro di sé storie diverse ed erano tutti perseguiti dalla giustizia italiana per la loro attività politica. Sono stati protetti da quella che è stata definita “dottrina Mitterrand”, poiché in certi casi le condizioni di funzionamento della giustizia italiana, dettate dalla necessità di dare una risposta urgente alle derive terroriste della contestazione sociale, lasciavano paradossalmente temere che tutte le garanzie di equità non fossero rispettate; poiché, più in generale, gli esiliati italiani avevano dichiarato pubblicamente che abbandonavano la loro militanza politica, che consideravano tramontata la loro attività politica, e che rinunciavano alla violenza.

La dottrina Mitterrand non è un testo scritto, non ha valore che come decisione politica. Ma si fonda su un ragionamento che è stato riaffermato in seguito da molti governi, sia di destra che di sinistra, e che a noi pare valga la pena che sia senza dubbio ricordato. (Tale dottrina) non è mai consistita nel sottrarre dei colpevoli a una giusta pena, né nel rimettere in questione il diritto di uno Stato di far valere il proprio sistema giuridico. E’ piuttosto consistita nel proporre de facto un meccanismo di assunzione di una decisione politica di fronte alla lacerazione dolorosa e generalizzata della coesione di un Paese, e dal momento che il contesto politico di tale lacerazione sembra dissolversi, di costruzione di una unità e di una ritrovata pacificazione.

Trasformare il dolore in conoscenza

Quindi (la dottrina) non pone una questione di casi individuali, bensì prende atto di una frattura che si è verificata, di cui ha constatato la violenza e che pare ormai superata: si pone il problema della ricomposizione di tale frattura. Non cancella le colpe e le responsabilità, non nega la storia passata. Permette semplicemente al paese di ricominciare a vivere, e indubbiamente agli storici di poter cominciare a fare il loro mestiere, cioè a trasformare il dolore lancinante in conoscenza.

Nel caso degli anni di piombo una simile eventualità si è prospettata ed è stata vicino a realizzarsi a opera dell’Italia stessa, alla fine degli anni 1990, poiché si doveva dichiarare chiuso un capitolo – ancora una volta non per dimenticare, ma per permettere al Paese di liberarsi del (peso di) un periodo ormai passato e di consegnare agli storici il compito di farne la storia. Tale opportunità sotto forma di proposta di una amnistia politica non è stata colta; era collegata a un progetto di riforma costituzionale che non ha mai visto la luce.

La guerra è finita

Oggi i militanti italiani arrivati (in Francia) all’inizio degli anni 1980 hanno quaranta anni di più. Hanno ormai superato l’età del pensionamento. Sono diventati giornalisti, ristoratori, medici, grafici, documentaristi, psicologi. Hanno avuto figli e nipoti. Hanno continuato a ripetere che la guerra era finita, che da tempo si sentivano lontani da quello che erano stati, senza tuttavia mai rifiutare di ammettere le loro responsabilità. Avevano voluto il bene, la giustizia, l’eguaglianza, la condivisione, la solidarietà. Hanno avuto la tragedia. Ne ammettono la responsabilità ma hanno reso le armi da quarant’anni e tutta la loro vita successiva ne è testimone. E’ a questi uomini e a queste donne che a 40 anni di distanza si chiedono i conti. Non da un punto di vista morale – ciascuno di loro ci ha già riflettuto a lungo – ma in nome di una giustizia che decreta che il perdono equivale all’oblio, che un’amnistia è sempre un tradimento, che la riconciliazione vale meno della riapertura delle piaghe. Riaprire le piaghe, fare in modo che la storia non passi.

Riaffermare la dottrina Mitterrand oggi non significa in alcun modo dare all’Italia lezioni in materia di giustizia. Significa semplicemente ricordare che la politica si fa anche, e soprattutto, al presente, che è suo dovere costruire le condizioni di un futuro condiviso, e che la concezione della giustizia come puro strumento di vendetta anche dopo quaranta anni è contraria a ciò che noi continuiamo a ritenere un funzionamento illuminato della democrazia.”

PRIMI FIRMATARI

Arié Alimi, avvocato

Etienne Balibar, filosofo

Luc Boltanski, sociologo

Jean-Louis Brochen, avvocato

Fabien Calvo, professore di farmacologia

Jean-Louis Fournel, professore di scienze politiche

Claude Gautier, professore di filosofia politica

Pierre Girard, professore di italianistica

Nicolas Guillot, storico

Bertrand Guillarme, professore di filosofia politica e sociale

Bernard E. Harcourt, professore di diritto e di scienze politiche

Sandra Laugier, professoressa di filosofia

Dominique Maraninchi, professore di cancerologia

Fréderique Matonti, professore di scienze politiche

Jean Musitelli, ex consigliere diplomatico e portavoce di François MItterand

Judith Revel, professoressa di filosofia…

(LA LISTA COMPLETA è su Lemonde.fr)

ANNI DI PIOMBO O ANNI DI TRITOLO? –  commento di La Croce e l’Orsa

“Il passato che non passa”, del quale è fatto cenno nel testo di questa lettera, è un male interamente italiano. Paradossalmente e specularmente in questo Paese si parla sempre più spesso di perdita di memoria storica, di “presentismo”, di un appiattimento della prospettiva politica e sociale nella decifrazione di una contemporaneità che ha lunghe radici.

La lettera menziona pudicamente, e non poteva fare altrimenti, la “lacerazione” dolorosa di leggi incostituzionali a base di tante condanne, ma glissa – e di nuovo non poteva non farlo – sulle responsabilità e le complicità mai ufficialmente acclarate in toto dello Stato italiano stesso nell’inaugurare la stagione delle stragi, proprio la stagione che portò tanti giovani compagni e compagne (e non solo, si pensi a un intellettuale come Giangiacomo Feltrinelli) a pensare che non ci fosse altra soluzione che “take arms against a sea of troubles, and by opposing, end them” … ci scusi Shakespeare. Più che “anni di piombo” rosso quelli furono gli anni della gelignite nera (e tricolore) di Piazza Fontana del 1969, del tritolo nero (e tricolore) alla Stazione di Bologna del 1980, dell’esplosivo nero (e tricolore) del treno Italicus, e di molti altri omicidi impuniti delle “forze dell’ordine”. Si pensi alla “licenza di uccidere” della legge Reale del 1975. La prima di una serie.

Le stragi fasciste ebbero la piena complicità di quelli che pietosamente si indicarono come “pezzi di servizi di Stato deviati”, per malintesa carità di patria. Tutti gli altri erano devoti servitori dello Stato. Se si fosse voluto perseguire i colpevoli, non c’era che da seguire gli indizi, quasi sempre evidenti e pesanti, ma si preferì dirottare, dirottare, dirottare. cancellare, cancellare, cancellare. E Licio Gelli poté spirare in pace nella sua villa Wanda.

Ancor oggi, a più di 50 anni dalla “madre di tutte le stragi” – la bomba di Piazza Fontana del 1969 – che fu l’inizio di quella stagione di sangue italiana, non si conoscono tutti i veri mandanti, i meccanismi, tutte le facce che stanno dietro a quegli ordigni esplosivi (e a quelli inesplosi); ancora ci sono giovani italiani che credono che la bomba esplosa alla Banca dell’Agricoltura nel 1969 fu messa dalle Brigate Rosse.

Come chiudere ferite suppurate durante 50 anni?

Il grande gelo che attanagliò l’Italia a partire dal 1983 diceva che le speranze rivoluzionarie erano spente, che coloro che avevano creduto in una Italia più giusta impugnando armi “di latta” contro i bastioni imprendibili delle cittadelle capitaliste erano stati sconfitti prima ancora di prenderle in mano. Ma una pacificazione reale avrebbe richiesto che fosse lo Stato stesso a fare il bucato, a mettersi coraggiosamente sul banco degli accusati di fronte a coloro che avevano ingenuamente pensato di abbatterlo per costruirne un altro più equo.  E sarebbe stato imprescindibile che tutti pagassero, e non si puntasse unicamente il dito contro gli attori della lotta armata rossa designata genericamente e proditoriamente con l’etichetta di terrorismo. Il Terrorista con la t maiuscola si ergeva a giudice imparziale. Si giocava a carte truccate.

Quindi alla fine degli anni 1990 amnistia non ci fu, pacificazione non ci poteva essere senza verità, e purtroppo anche all’inizio del 2000 si replicarono assurdi attentati come remake spettrale degli anni 1970/80. Giustizia non fu fatta allora e penso ormai che solo gli storici futuri (e non la politica) riusciranno a fare emergere tutti i retroscena del nostro lungo dopoguerra che arriva alle soglie del 2000.

Grottescamente ancora oggi va in scena la tragedia della Strage alla stazione di Bologna del 1980 con il quarto processo che si è aperto il 16 aprile scorso. Ancora si scava nella melma del passato che non passa.

Per questo uno Stato rancoroso che sa di avere la coscienza molto nera in tutti i sensi si accanisce contro settantenni fuoriusciti che invece hanno riconosciuto le loro responsabilità in scelte sbagliate, anche e soprattutto politicamente e strategicamente sciagurate, che hanno distrutto non solo vite altrui ma le proprie. Si può sperare ancora nella tardiva resipiscenza di uno Stato che si è ostinato per decenni a coprire le proprie scelte sciagurate?

NOTA DELLA “BOTTEGA”

Con il commento di “Croceorsa” la discussione è aperta. Sono graditi commenti e interventi; astenersi Pietro Calogero e Luciano Violante (visto che da 40 anni parlano ovunque… almeno qui non lo faranno).

La Bottega del Barbieri

4 commenti

  • Francesco Masala

    Esprimiamo disappunto nei confronti dei Governi italiano e francese per l’arresto di ex-brigatisti e di un ex-militante di Lotta Continua eseguito dalla polizia francese. Non capiamo a cosa serva arrestare, in spregio dell’art. 27 della Costituzione, dopo decenni, persone anziane che in Francia si sono rifatte una vita. Non chiamiamola giustizia. Ci sembra che si stia consumando una vendetta che serve più a fare spettacolo che a difendere la sicurezza collettiva che nessuno degli arrestati minaccia. Non ci pare che vi siano neppure esigenze di indagine alla base di questi arresti. La Francia qualche anno dopo la Comune di Parigi diede l’amnistia ai comunardi che pure aveva represso violentemente. La Repubblica italiana nata dalla Resistenza fece l’amnistia per i fascisti. Una classe dirigente che ha reso più povero e ingiusto il paese va a caccia di pensionati all’estero.
    Il mandato di cattura europeo delle persone arrestate si stava avvicinando alla scadenza al punto che per quasi tutti loro nel 2022 non avrebbe avuto più alcuna possibilità di essere eseguito. Tutto questo ha senso?
    Nel rispetto della vittime va chiusa la stagione del diritto emergenziale e approvato un provvedimento generale di clemenza.

    Maurizio Acerbo, segretario nazionale
    Gianluca Schiavon, responsabile giustizia
    del Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea

  • caro Daniele, cari compagni e amici.
    Eravamo giovani e il sangue era bollente, lo stato delle cose presenti ci stava ci stava annegando, λα corruzione e sfruttamento, abbiamo voluto conquistare il mondo ed il sogno per cambiarlo in modo comunista e libertario. Conquest of paradise, https://youtu.be/WYeDsa4Tw0c
    giovani che portavaνο sulle spalle l’eredità della Comune di Parigi, dei soviet, del guevarismo e dell’autonomia, l’unico modo per fare dell’utopia realtà, cosa che ci sembrava così tangibile era la rivoluzione e la guerriglia.
    Non potevamo permettere al sistema di monopolizzare l’esercizio della forza, della violenza.
    ma non abbiamo tenuto conto del fatto che il nostro alleato naturale, la nostra classe, avrebbe preferito il calore dell’incarico ai gestori del esistente, della risoluzione del conflitto in termini di mantenimento dello status quo.
    È qui che abbiamo sbagliato. Abbiamo pagato e pagheremo ancora. Perché l’avversario è duro, crudo e non fa regali.
    Adesso siamo cresciuti, abbiamo fatto i conti con questa situazione, ci siamo guardati dentro, almeno per migliorarlο questo dentro, seminiamo, and…God helps those who help themselves

  • Lo Stato non dimentica coloro che lo hanno combattuto.
    La lotta non consegna la sua memoria collettiva ma la trasmette e continua.

  • La Bottega del Barbieri

    Il punto di vista di una ex-brigatista e giornalista internazionale sugli arresti di Parigi

    https://www.pressenza.com/it/2021/04/geraldina-colotti-gli-arresti-di-parigi-la-riaffermazione-patetica-di-un-sistema-fallito/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *