Come Colombo scoprì la biblioteca

Una lettera aperta di Gian Marco Martignoni

La verità politica fa male. La vicenda a Sesto Calende (provincia di Varese) del boicottaggio del libro “L’idiota in politica. Antropologia della Lega Nord” di Lynda Dematteo  a opera del sindaco Marco Colombo – che già era intervenuto con arroganza padronale sul referendum in cui i lavoratori e le lavoratrici della Lascor avevano bocciato a maggioranza un accordo sindacale relativo all’allungamento della settimana lavorativa al sabato e alla domenica – è solo l’ultima di una serie di episodi in cui la Lega Nord evidenzia la sua vocazione totalitaria, in spregio ai principi democratici che con l’articolo 21 della Costituzione garantiscono la libertà di espressione e di critica.
D’altronde, uno dei meriti della ricerca della Dematteo è svelare la demagogia dei movimenti populisti di destra: attraverso un falso interclassismo vengono negati i contrasti di natura economica e il rancore delle classi subalterne viene scaricato sui meridionali e gli immigrati, colpevoli di essere esterni alle comunità locali, mentre l’ostilità popolare viene indirizzata contro i vertici della politica e della cultura, senza sottoporre ad alcuna critica il liberismo economico e le sue classi dirigenti.
Ora che la crisi economica mette a nudo le debolezze intrinseche a quel modello di capitalismo personale acriticamente esaltato dalla Lega Nord, il discorso populista di questa formazione politica dimostra tutta la sua sterilità, con un danno d’immagine e di credibilità che è dinnanzi agli occhi di tutto il Paese.
Se si considera che, senza l’accordo con Silvio Berlusconi, la Lega Nord non ha – fortunatamente per l’unità nazionale, il mondo del lavoro e i migranti – nessuna possibilità di capitalizzare il consenso che raccoglie nel nord del Paese, si comprende perché è ancora più lancinante la lotta intestina che si è aperta al suo interno per la successione di Umberto Bossi.
Per queste ragioni  ritengo importante far pervenire la mia solidarietà alla bibliotecaria del comune di Sesto Calende.
Varese, 31 gennaio 2012

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.