Disarmo nucleare: un appello per…

affiancare papa Francesco «contro il suicidio dell’umanità»

PRIMI FIRMATARI: Alex Zanotelli, Alfonso Navarra, Antonia Baraldi Sani, Adriano Ciccioni, Ennio La Malfa, Giorgio Nebbia…

Sosteniamo e condividiamo l’appello di papa Francesco a tutte le persone di buona volontà: dobbiamo opporci al “suicidio dell’umanità” rappresentato dalla minaccia della deterrenza nucleare.

Questo appello ci spinge tutti a lavorare con maggiore determinazione per promuovere le condizioni necessarie ad un mondo senza armi nucleari, nel momento in cui fervono programmi per la loro modernizzazione e le spinte alla proliferazione sembrano travolgere ogni remora.

E’ necessario che entri in vigore il «Trattato per la proibizione delle armi nucleari» adottato in una Conferenza Onu il 7 luglio 2017 e ratificato anche dalla Santa Sede in settembre, con convinzione. L’Italia deve fare la sua parte respingendo i diktat della Nato e ratificando al più presto questo Trattato. Contribuiremo così, dal nostro Paese, ad una grande speranza per una svolta epocale verso una comunità internazionale che affermi la forza del diritto sul diritto della forza: la nonviolenza efficace, secondo papa Francesco.

Guardiamo con attenzione alle idee ed alle proposte che scaturiranno dal Convegno che si svolgerà, il 10 e 11 novembre, in Vaticano, con la partecipazione di 11 Premi Nobel per la pace.

Ci attendiamo da questi lavori sforzi di mediazione, anche da parte della Santa Sede, nella pericolosissima crisi coreana (la dimostrazione evidente che il rischio di una guerra atomica è purtroppo una ipotesi concreta) e l’indicazione di percorsi negoziali per collegare la proibizione giuridica all’eliminazione effettiva degli ordigni nucleari.

E’ giusto scuoterci, come ci invita a fare il papa, dalla nostra pigrizia e dalle nostre distrazioni: nelle nostre azioni e nel nostro impegno di cittadini attivi diventa oggi prioritario garantire, con il disarmo, via di pace, una sicurezza vera.

Questa sicurezza può nascere solo dalla cooperazione rispetto ai grandi problemi comuni che l’Umanità deve risolvere (la convivenza tra i popoli, la difesa della Terra dal riscaldamento climatico, la disuguaglianza sociale a livello globale…) e non dall’illusoria e in ultima analisi “suicida” corazza di poter dissuadere atti ostili con le armi di distruzione di massa. 

Invitiamo chi, nei movimenti per il disarmo e la pace, per l’ecologia e lo sviluppo umano integrale, è d’accordo con le nostre elementari considerazioni ad unirsi maggiormente e, sempre nel rispetto delle diversità, a fare blocco comune: dobbiamo impedire il disastro nucleare.

Qui in Italia dobbiamo adoperarci, in particolare, per una marcia Perugia-Assisi straordinaria, focalizzata sul sostegno alle Nazioni Unite nel loro tentativo, con il bando degli ordigni “fine del mondo”, ad affermare un diritto prevalente della comune umanità rispetto alla sovranità dei singoli Stati.

Quindi proponiamo di camminare insieme, possibilmente prima delle prossime elezioni politiche, soprattutto per la ratifica da parte dell’Italia del «Trattato ONU di interdizione delle armi nucleari».

Come ci ricorda papa Francesco nella sua enciclica «Laudato si», la fratellanza – e sorellanza – universale costituenti la Carta dell’Onu, sorta con l’ideale di «salvare le future generazioni dal flagello della guerra», devono essere fondate, rigettando gli strumenti di morte, sul rispetto degli equilibri naturali, sul rispetto della vita, sulla «armonia con il Creato da custodire».

https://www.petizioni24.com/confrancescoperildisarmonucleare

PRIMI FIRMATARI: Alex Zanotelli, Alfonso Navarra, Antonia Baraldi Sani, Adriano Ciccioni, Ennio La Malfa, Giorgio Nebbia, Umberto Santino, Guido Viale, Luigi Mosca, Giuseppe Farinella, Mario Agostinelli , Laura Tussi, Fabrizio Cracolici, Giuseppe Bruzzone, Marco Palombo, Elio Pagani, Giuseppe Padovano, Olivier Turquet, Angelo Baracca, Giuseppe Natale, Alessandro Capuzzo, Rocco Altieri, Antonio Bruno, Tiziano Cardosi …

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Un commento

  • mi spiace : non sostengo un appello del papa sin quando la finanza vaticana non smetterà di partecipare alle “banche armate” e direttamente o indirettamente alla produzione e commercio di armi

    quand’è che i compagni cattolici una volta per tutte dicano chiaro: il papa deve rompere definitivamente con la finanza che sempre sarà invischiata con gli armamenti ancor più nell’epoca attuale di riproduzione delle guerre permanenti volute da lobby militaro-polizische connesse con quelle delle nuove tecnologie, del petrolio ecc. e che a tale scopo alimentano il terrorismo pseudo-islamista
    non si può predicare per la pace, contro i disastri ambientali ed economici e poi continuare a sostenere un’istituzione quale la chiesa cattolica che resta invischiata in troppi intrecci finanziari neoliberisti che sono la causa dei disastri sanitari-ambientali ed economici e delle guerre permanenti
    abrazos
    turi palidda

    https://www.academia.edu/33927435/Palidda_CV_2017.pdf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.