Furti di identità e persone senza fissa dimora

Assolto un assistito dall’associazione Avvocato di strada (*)

Si chiama furto di identità. Rubano i tuoi dati e poi li utilizzano per varie attività illecite: ottenere prestiti, aprire conti correnti, fondare società fittizie. Una reato di cui sono spesso vittime le persone che vivono in strada (Cosa c’è di più facile di rubare l’identità di una persona che per il mondo non esiste?) e che ha un particolare sapore di beffa per chi non possiede nulla.

È quello che è successo anche ad un nostro assistito di 64 anni. Era nullatenente e viveva in strada ma risultava presidente di una società che gestiva 5 bar di Modena. Dopo una lunghissima vicenda giudiziaria i nostri volontari di Avvocato di strada Modena sono riusciti a farlo assolvere 🎓💪🔥
#NonEsistonoCausePerse

(*) Fonte: http://www.avvocatodistrada.it

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Un commento

  • sergio falcone

    Sembra una condanna biblica, la conseguenza di chissà quale peccato originale ma, a rimetterci, sono sempre gli ultimi. I miti e gli onesti, povere e innocenti creature di dio…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.