Il gatto di Anna Achmatova

di Mauro Antonio Miglieruolo
Su gentile richiesta da parte di Carmen (vedi commento al post di Alessandra Berardi: http://danielebarbieri.wordpress.com/2013/05/18/anna-achmatova-posterebbe-gatti/) presento una poesia di Achmatova in cui si parla di un gatto.

Spero si tratti di quella richiesta. Ma una o l’altra, i versi di Anna Achmatova valgono tutti, tutti seducenti e fascinosi. Com’era lei. Donna speciale e speciale perché donna.
***

Ho appreso a vivere semplice e saggia

Ho appreso a vivere semplice e saggia,
a guardare il cielo, a pregare Iddio,
e a vagare a lungo innanzi sera,
per fiaccare un’inutile angoscia.
24luglioAnna Achmatova1
Quando nel fosso preme la lappola
e il sorbo giallo-rosso piega i grappoli,
compongo versi colmi di allegria
sulla vita caduca, caduca e bellissima.
24luglioAnnaAchmatova
Ritorno. Un gatto piumoso mi lecca
il palmo, fa le fusa più amoroso,
e un fuoco vivido divampa al lago
sulla torretta della segheria.
24luglioахматова
Solo di rado un grido di cicogna,
volata fino al tetto, squarcia il silenzio.
E se tu busserai alla mia porta,
mi sembra, non sentirò nemmeno.

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.