Il Karaté letterario di Alessandra Daniele – 20

di Alessandra Daniele

banner°

Quand’è che licenzieremo i licenziatori (impropriamente chiamati datori di lavoro, che invece lavorano per ridurlo al minimo il lavoro, per toglierlo più che darlo)? Sarà sempre troppo tardi.

Primo però dovremo provvedere a licenziare coloro che, nelle istituzioni, impongono le norme che danno loro facoltà di farlo. Licenziare, spiare, non pagare… ma, licenziare? No, come nel mondo antico, dare piuttosto l’ostracismo ad alcuni, dare lavoro ad altri.

L’ostracismo ai politicanti, e un bel posto da operaio a millecinquecento euro al mese a coloro che amano chiamarsi imprenditori. Così sanno quel che vuol dire.

Millecinquecento oggi non tutti le prendono, ma siamo generosi noi, ci vergogniamo a dare di meno: anche a chi ha dato molto meno.

Mauro Antonio Miglieruolo

Miglieruolo
Mauro Antonio Miglieruolo (o anche Migliaruolo), nato a Grotteria (Reggio Calabria) il 10 aprile 1942 (in verità il 6), in un paese morente del tutto simile a un reperto abitativo extraterrestre abbandonato dai suoi abitanti. Scrivo fantascienza anche per ritornarvi. Nostalgia di un mondo che non è più? Forse. Forse tutta la fantascienza nasce dalla sofferenza per tale nostalgia. A meno che non si tratti di timore. Timore di perdere aderenza con un mondo che sembra svanire e che a breve potrebbe non essere più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.