L’altra Turchia: Serdar Degirmencioglu a Torino

della redazione di Pressenza

Due incontri straordinari il 6 maggio a Torino con il professore universitario turco, Serdar Degirmencioglu, obbligato a vivere in esilio dal 2016. Degirmencioglu è uno dei collaboratori di Pressenza.

«Ero docente di psicologia dello sviluppo e di comunità alla Doğuş University quand’è iniziata la caccia alle streghe ai danni del gruppo di cui faccio parte, Academics for Peace. Sono stato cacciato dalla presidenza del Dipartimento di Psicologia e poi licenziato senza giusta causa». Dal settembre 2016, Serdar Degirmecioglu viaggia tra i continenti e le università.

A Torino, partirà dalla sua esperienza personale per una riflessione sulla resistenza alla militarizzazione e alla repressione della libertà d’espressione in Turchia.

Iniziativa organizzata e promossa da Dipartimento Culture Politica e Società dell’Università di Torino, Associazione Taksim, Associazione Sardi Torino “Antonio Gramsci”, Arci Torino, Academics for Peace, Unione culturale Franco Antonicelli e Museo diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà.

Nella mattinata del 6 maggio – dalle ore 10 alle 12 – Serdar Degirmengioglu sarà all’Università di Torino (campus Einaudi, Aula 3D233 e diretta Webex ) per un incontro intitolato “RESISTING THE CRACKDOWN IN TURKEY, BUILDING CRACKS IN A REGIME OF OPPRESSION AND CORRUPTION”. L’incontro sarà presentato da Rosita di Peri, Chiara Maritato e Murat Cinar.

Un secondo incontro si svolgerà alle 20:45 presso l’Unione Culturale Franco Antonicelli: saràDegirmengioglu insieme a Francesco Pongiluppi e Murat Cinar.

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.