Libertà per Leonard Peltier

un appello ripreso dalla rete (*)

LeonardPeltier
Sono passati 40 anni: il 26 giugno 1975 avvenne nella riserva indiana di Pine Ridge il cosiddetto «incidente a Oglala», quando al termine di una lunga e terribile sparatoria morirono due agenti dell’Fbi e un nativo della tribù dei Lakota. In quegli anni gli indiani dell’American Indian Movement morivano come mosche; la tensione era altissima, soprattutto nel Sud Dakota, ma per quelle morti non vi erano né indagini né colpevoli o responsabili.

Invece per l’«incidente a Oglala» Leonard Peltier da 39 anni e mezzo è nelle carceri di massima sicurezza degli Usa.

Sta pagando il prezzo delle lotte di quegli anni dell’American Indian Movement quando una parte degli nativi cercò di reagire, un’ennesima volta, di fronte ai soprusi e alle ingiustizie del governo degli Stati Uniti e delle multinazionali pronte a espropriare e sfruttare le loro terre (le pochissime rimaste…).

Gli stessi giudici ammisero alla fine che non vi erano prove che fosse stato Peltier ad uccidere i due agenti dell’Fbi ma qualcuno doveva pagare e Leonard Peltier con l’accusa di favoreggiamento entrò in carcere a 31 anni. Ora ne ha più di 70 e le sue condizioni di salute non sono buone. Secondo la legge statunitense potrebbe uscire a 92 anni.

Quando Bill Clinton, a fine mandato, stava per firmare la sua liberazione, 500 agenti dell’Fbi manifestarono davanti alla Casa Bianca. Clinton non firmò. Solo una firma del presidente Obama può ridare la libertà a quest’uomo, il Nelson Mandela degli indiani d’America. I nativi di quel continente vivevano in equilibrio con la natura, furono massacrati e tutte le ricchezze della terra e del sottosuolo furono preda degli uomini bianchi.

Chiediamo a tutti voi che state leggendo di fare in modo che il nome di LEONARD PELTIER torni a essere noto. Che si rompa il silenzio che permette che questa ingiustizia continui.

Libertà per Leonard Peltier, come per Mumia Abu-Jamal, malato grave, da 33 anni nelle carceri Usa.
(*) Qui in “bottega” trovate altre notizie su Peltier. Questo testo è stato trascritto da una mail privata ricevuta da Andrea De Lotto, insegnante italiano residente in Spagna, che da anni lotta per i diritti umani di persone come Leonard Peltier, e rilanciato in rete da Doriana Goracci.

Io sono chiunque

Io sono chiunque

sia morto

senza una voce

né una preghiera

né una speranza

né una opportunità…

Chiunque abbia sofferto

perché è indiano

perché è umano,

perché è indigeno,

perché è libero,

perché è Altro

perché è impegnato….

Io sono chiunque di loro.

Ciascuno di loro.

Sì.

Perfino te.

Io sono ciascuno.

Leonard Peltier

http://www.agoravox.it/Liberta-per-Leonard-Peltier.html

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.