Milano, 8-9 ottobre: torna «Stranimondi»

di Fabrizio «Astrofilosofo» Melodia


Torna a Milano «Stranimondi», il festival del libro fantastico, ormai arrivato all’ottava edizione: realtà editoriali, ospiti, incontri e attività varie.
L’8 e il 9 ottobre troverete – alla Casa dei Giochi, in via San Uguzzone 11 – numerose conferenze. Nel dibattito sempre aperto su fantastico e fantascienza c’è «Personagge, eroine o villainess: nuove rappresentazioni femminili nel fantasy» con Elena Di Fazio, Premio Urania (amatissima in Bottega). Un’altra conferenza a cui parteciperei di volata – maledizione, non potrò andare – è «Di corpi abitati e terre desolate», su distopia e speculazione in vari campi: al solito la fantascienza usata come lente di ingrandimento per comprendere il tempo che stiamo vivendo, con particolare attenzione alla situazione italiana. Fra gli interventi Simone Marcelli Pitzalis, Natalia Guerrieri, Nicoletta Vallorani, Silvia Costantino.
S’incontreranno anche Sam J. Miller, con l’antologia «Ragazzi belve uomini» in anteprima mondiale, il professor Roberto Vacca con i suoi «Racconti paradossali», Adan Zzywwurath – al secolo Franco Porcarelli – con il suo romanzo «Khalulabìd o il Sogno dei Dieci Re», la pluripremiata Sarah Pinsker (ben quattro premi Nebula) che non mancherà di sorprendere, la sociolinguista Vera Gheno, la scrittrice britannica Priya Sharma, assai promettente autrice di “speculative fiction” e che annovera tra le sue opere l’antologia «All the Fabulous Beasts» e il romanzo breve «Ormeshadow», entrambe di prossima pubblicazione in Italia, vincitrici dello Shirley Jackson Award e del British Fantasy Award.

Nella ricca mostra-mercato dialogo fra chi edita e il fandom. Saranno presenti Delos Books, Cliquot, Providence Press, VaporTeppa, Edizioni Della Vigna, UrbanApnea Edizioni, Kipple Officina, NeroPress, Eris Edizioni, Elara, EdiKit, Acheron, MoscaBianca, Edizioni Arcoiris con la collana La Biblioteca di Lovecraft, TabulaFati, FutureFiction, EffeQu, Zona42 e molte altre.

Occhio di riguardo – amo quel tipo di libreria – per Dario Vaghi con «Fantascienza… e altro», in cui presenta libri usati, anche di pregio, per completare le collezioni,

Insomma per chi ama fantastico e fantascienza è un evento da non perdere.

 

L'astrofilosofo
Fabrizio Melodia,
Laureato in filosofia a Cà Foscari con una tesi di laurea su Star Trek, si dice che abbia perso qualche rotella nel teletrasporto ma non si ricorda in quale. Scrive poesie, racconti, articoli e chi più ne ha più ne metta. Ha il cervello bacato del Dottor Who e la saggezza filosofica di Spock. E' il solo, unico, brevettato, Astrofilosofo di quartiere periferico extragalattico, per gli amici... Fabry.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.