Monica Lanfranco: “il solito fortunato”

La tv la vedo poco, da quando non ho più Sky, troppo caro e troppo farraginoso da installare nella casa attuale. Il tempoliberato dalla schiavitù dell’elettrodomestico è molto. Tuttavia a volte – raramente- la accendiamo, forse più per abitudine che per interesse. Una pubblicità all’apparenza innocua mi distrae; sono in allerta sin dall’inizio perchè ho una strana sensazione.

All’uscita di una scuola elementare si vedono in attesa, schierati davanti alle auto parcheggiate, solo padri che aspettano la campanella. Eccola che suona e una piccola marea di corpi e faccine sorridenti si riversa sulla strada. Braccia maschili si protendono ad accogliere figlioletti e figliolette,  e sin qui tu pensi: “accidenti, per una volta la pubblicità si dimostra, come negli spot Ikea che narravano la storia normale di una famiglia gay in cerca di arredo, più avanti della politica e della società”.

Per un attimo ti sei dimenticata che non sei in Svezia ma in Italia, dove il Presidente del Consiglio al pranzo con i vertici di Confindustria(diretti da una donna) parla disinvoltamente di mignotte.

E infatti la pubblicità non vuole descrivere una realtà nuova, ovvero quella che vede uomini e non donne colti nell’atto di andare a prendere la prole a scuola, un evento assai raro in natura, qui da noi. Ecco che esce dal portone l’ultimo bambino che corre dal legittimo padre, e qui c’è il colpo di scena: un attimo prima felici con tra le braccia i cuccioli tutti gli uomini ora voltano la testa verso l’unico collega che sfoggia il sorriso giusto: quello con l’auto più bella e con tra le braccia non una creatura ma una stangona bionda, la maestra. Lui sì che aspettava con fortuna, e non per dovere.

Riflessione banale, ma doverosa: nemmeno quando stanno con i loro figli e figlie, i maschi – secondo la pubblicità – riescono  a tenere a bada gli ormoni, e a non  invidiare chi ce l’ha (presuntamente) più lungo. Che tristezza.

www.monicalanfranco.it

www.altradimora.it

www.mareaonline.it

www.radiodelledonne.org

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.