Né d’ambrosia né…

di Cristina Bove, aspettando il 1 marzo.

Salgono sui carghi

fiduciosi di arrivare vivi

uomini di pelle disperata

donne dalle mammelle riarse

il bambino giace morto nella stiva

buttiamolo a mare

oh no

dice la madre ho ancora latte

ha gli occhi di dolore asciutto

mentre si capovolge il mondo

in mezzo ai flutti

chi li reclamerà relitti e corpi?

Sono grassi gli squali

ultimamente

banchettano a cadaveri

gli dei sono distratti

hanno da barattare armi e petrolio

rimpinguare le borse

ai tiranni protetti

suggerire le bombe nelle piazze

hanno le mani lorde questi dei

unte di offerte e ceri sugli altari

sulla coscienza tutti

ignari derelitti e malfattori

grida vendetta l’ultimo bambino

violato

l’ultima donna uccisa

l’ultimo condannato alla follia

da quest’olimpo infetto.

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

8 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.