Note e amplessi di ferragosto

di Daniela Pia

In un patio spagnoleggiante la sera di ferragosto, davanti a insalata, formaggio e pane di Rosina cotto nel forno a legna, gli amici accendono una candela, i cani ci fanno compagnia e tentano approcci carichi di pelo. Ad occidente ancora si lasciano osservare nuvole malva, ricordo di un tramonto troppo basso e la luce scende sino a farsi buio. Si accendono i lampioni e compaiono le farfalle notturne mentre minuscole onde vanno sull’acqua. Luci, lucciole e vino rosso. Buio, per non smentirci. In sottofondo la tromba di Paolo Fresu , racconta come sono stati suonati i suoi 50anni, e nei suoni incontriamo quei noi che siamo stati assieme a lui, anche se lontani. Voci lo accompagnano: le nostre, ricche di chiacchiere amene, assieme a quelle di altri che con Fresu raccontano storie di Sardegna cariche di silenzi vocianti.

La compagnia non sente nostalgia di lidi affollati o di locali griffati. La sera è benevola, lenta e accogliente. È in questa cornice che inizia una danza, sorda, in cerchio, vicino al lampione. Unu ballu tundu animale svela una passione, irrefrenabile, quella che prende e si scopre inattesa. Lui la blocca e l’afferra per la nuca con la bocca. Immobili stanno per 20 minuti. Ci siamo incantati a vedere, voyeurs di ferragosto, un amplesso di gechi. Ballu tundu notturno, a perpetuare la specie.

geko 5

E riprende la notte con le note in sordina.

Daniela Pia
Sarda sono, fatta di pagine e di penna. Insegno e imparo. Cammino all' alba, in campagna, in compagnia di cani randagi. Ho superato le cinquanta primavere. Veglio e ora, come diceva Pavese :"In sostanza chiedo un letargo, un anestetico, la certezza di essere ben nascosto. Non chiedo la pace nel mondo, chiedo la mia".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.