Prostituzione: dall’Eden alla Lombardia

di Giovanni Sarubbi

Secondo il presidente della Lombardia Attilio Fontana la prostituzione «esiste dalla nascita dell’umanità». Non avevo mai pensato ad Eva come prostituta e ad Adamo come “puttaniere” con il padreterno nella funzione di pappone. Neanche il peggiore anticlericale lo ha mai fatto. Il “cattolico” leghista Fontana sì! Quello secondo cui la «razza bianca è a rischio».

I leghisti hanno il chiodo fisso della prostituzione. Poi si arrabbiano se uno li chiama fascisti. Sono tali e quali a Mussolini che, si racconta, avesse prostitute in ogni stanza pronte a soddisfare quella che Fontana chiama «qualche necessità fisiologica». Come i cani o i cavalli che quando hanno il calore non ne possono fare a meno. O come quando ti scappa la pipì e hai la prostata ingrossata: la fai dovunque anche se dietro di te c’è il vigile pronto a farti la multa. E questi sarebbero i difensori della famiglia.

Fontana vuole aggiungere la legalizzazione della prostituzione fra le materie della autonomia regionale e dice che così verrà sicuramente rieletto. Vuole “l’autonomia sessuale”.

«Perché – si è chiesto Fontana – dobbiamo lasciare che si arricchiscano SOLO (http://www.ansa.it/lombardia/notizie/2019/11/13/fontana-prostituzione-va-legalizzata_6ff6b399-2fc1-4d43-8618-053ec187e50d.html) persone al di fuori della legalità?». Ecco il punto: vogliono partecipare anche loro a spartirsi la torta dello sfruttamento delle prostitute. Hanno l’anima del pappone. E se ne fregano della Corte Costituzionale che ha chiuso qualsiasi possibilità alla legalizzazione della prostituzione. Manca solo il «prezzi ridotti per studenti e militari».

(*) ripreso da www.ildialogo.org

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Un commento

  • Il mercimonio di se’ andrebbe abolito. Non capisco quelle femministe che sponsorizzano la professione, in nome del diritto alla libertà e all’autodeterminazione. Come lamentavo alcuni giorni or sono, il pensiero liberale e’ penetrato anche negli ambienti dei compagni. Lo abbiamo visto con gli ambienti anarchici, lo vediamo con una parte del movimento delle donne.

    La mia posizione è la stessa delle Mujeres Libres. Sono per la completa abolizione nel nome del libero amore e della dignità individuale.

    Se avere un po’ di tempo, guardate questo filmato:

    https://youtu.be/eHuMUNyTaUY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.