Puglia: amianto nell’acqua pubblica e la proposta…

proposta di una mappa nazionale

di Vito Totire (*)

«Siticulosa Apulia» secondo Orazio ma almeno che sia «asbestos free» (libera da amianto)

Rpartiamo con le nostre iniziative per una acqua veramente potabile che, per essere tale, deve essere priva di amianto.

Non che l’amianto in Italia sia l’unico problema, in particolar se ci troviamo in province come Vicenza, Verona, Alessandria e… l’elenco sarebbe molto lungo.

Preso atto di ritardi, di ostruzionismi, di Consigli comunali i quali sostengono che l’amianto nell’acqua c’è ma «è poco» ecc diamo avvio a un’iniziativa specifica che riguarda la Puglia ma in realtà tutta l’Italia (anzi tutto il pianeta).

Abbiamo ricevuto la mappa dell’amianto residuo nelle tubazioni pugliesi; risultano non ancora indenni da amianto 42 comuni di cui 4 in provincia di Taranto (Taranto, Mottola, Leporano e Martina Franca), 3 in provincia di Bari (capurso, Molfetta e Polignano) e 35 in provincia di Lecce; risulterebbero indenni le province di Foggia e Brindisi. La fonte è Aqp azienda con cui abbiamo dialogato con difficoltà negli ultimi decenni per giungere oggi a una situazione migliore.

I nostri obiettivi:

  1. Il primo lo abbiamo enunciato: acqua per usi potabile e domestici indenne da amianto;
  2. costruzione di una mappa nazionale (e oltre) non solo dell’amianto ancora presente (compresa la varietà: se crisotilo o anfibolo) ma anche della cronistoria delle bonifiche; in altri termini: se oggi il comune di Capurso mantiene 60 cm di cemento-amianto dobbiamo sapere cosa si è bevuto negli ultimi 30-40 anni; cioè dobbiamo sapere a quando risalgono le eventuali bonifiche pregresse;
  3. costruire un incrocio fra i dati relativi alle tubazioni e quelli relativi a tumori asbesto-correlati; la letteratura sulle relazioni eziologiche è ampia ed esaustiva e dobbiamo usarla come punto di riferimento;
  4. nell’ambito dei tumori asbesto-correlati stiamo cercando di costruire una mappa dei tumori delle vie biliari extraepatiche che possono essere considerati un particolare tumore “sentinella” dell’esposizione ad amianto per ingestione; è ovvio che un aspetto della ricerca sta nel sovrapporre le mappe delle tubazioni con le mappe dell’incidenza e prevalenza del tumore citato;
  5. parrebbe a questo proposito che la Puglia sia un territorio molto importante se è vero che Brindisi e Foggia (e vasta parte del territorio di Bari e Taranto) siano indenni (ovviamente “sperando” che lo siano da tempo congruo rispetto a quelli che sono i tempi di latenza della malattia);

In Puglia i Comuni che ancora hanno tubazioni in cemento-amianto evidenziano da un minimo di 60 cm per Capurso a un massimo di (quasi) 13 km per Lecce; la dimensione “limitata” (rispetto ad altre regioni) rende l’obiettivo di una rapida bonifica abbastanza facile e anche urgente se pensiamo a situazioni come Taranto (2982 metri) per le sinergie negative che l’amianto delle tubazioni ha con altri inquinanti ambientali.

Ci rivolgiamo ai cittadini, alle associazioni ambientaliste, ai medici di base, agli Ordini dei Medici, alla sanità pubblica perché segnalino riscontri e problemi;

ovviamente la mappa Aqp è disponibile per chiunque interessato e in particolare per i residenti e i sindaci dei Comuni con presenza di amianto.

Come dicevamo c’è con Aqp una situazione di dialogo che auspichiamo continui (in particolare per la ricostruzione dei dati storici e per altri elementi che si dovranno approfondire).

Sulle motivazioni della nostra iniziativa e dell’obiettivo che abbiamo dichiarato c’è dissenso con gli enti istituzionali e in particolare con l’Istituto Superiore di sanità che pare essersi orientato più verso una posizione da “real politik” che verso una strategia di effettiva prevenzione.

L’amianto non è l’unico inquinante (stiamo pensando al cloro, agli organo alogenati in generale, ai pesticidi…) ma intanto cominciamo da questo.

Bologna, 17.9.2020

(*) Vito Totire è medico e portavoce della «Rete nazionale per l’ecologia sociale» (AEA ovvero associazione esposti amianto, circolo Chico Mendes, centro Francesco Lorusso, Lega animalista, Comitato ambiente e salute di Mirandola)

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.