San Francisco: la polizia propone robot che uccidono

redazione Diogene

Le autorità di San Francisco hanno proposto una procedura che consentirebbe ai suoi robot in stile militare di usare la forza letale in situazioni in cui la vita di qualcuno è in pericolo e in altri casi pericolosi.

Una bozza uscita dal dipartimento di polizia di San Francisco delinea come utilizzerebbe i suoi 17 robot telecomandati e senza pilota, che sono spesso usati per disinnescare bombe e gestire materiali pericolosi.

La stampa locale ha subito accertato che intanto dei 17 robot, solo 12 attualmente funzionano. Nella proposta della polizia si legge che “I robot saranno utilizzati solo come opzione di forza mortale quando il rischio di perdita di vite umane per membri del pubblico o ufficiali è imminente e supera qualsiasi altra opzione di forza disponibile per Sfdp”.

Sempre nella nota l’ufficiale del dipartimento Eve Laokwansathitaya specifica che il dipartimento ha sempre avuto la possibilità di usare la forza letale quando il rischio di morte per membri del pubblico o ufficiali è imminente e non lascia altre opzioni disponibili.

La proposta dell’Sfpd non è inedita però. Nel 2016, il dipartimento di polizia di Dallas ha utilizzato un ordigno esplosivo collegato a un robot per uccidere un sospetto nell’attacco coordinato da un cecchino che aveva ucciso cinque agenti. All’epoca, gli esperti dissero che era la prima volta che le forze dell’ordine usavano un robot per la forza mortale.

Anche a Oakland, sempre in California, le autorità stanno prendendo in considerazione l’utilizzo di robot armati. Tuttavia, il mese scorso, il dipartimento ha dichiarato che i leader hanno deciso di non farlo.

“Il dipartimento di polizia di Oakland (Opd) non sta aggiungendo veicoli remoti armati al dipartimento”, ha affermato una la polizia in una dichiarazione pubblica il 18 ottobre scorso. “L’Opd ha preso parte alle discussioni del comitato ad hoc con la Commissione di polizia di Oakland e i membri della comunità per esplorare tutti i possibili usi del veicolo”.

“Tuttavia, dopo ulteriori discussioni con il capo e il team esecutivo, il dipartimento ha deciso di non voler più esplorare quella particolare opzione”, ha continuato la dichiarazione.

Intanto l’idea è stata lanciata.

La “bottega” SEGNALA da Diogene anche altri articoli. Come questi due:

Afghanistan, strage di bambini nel Nili. Due bimbe vendute per 3 mila dollari 

La soppressione dei diritti delle donne in Afghanistan crimine contro l’umanità. Dall’Onu la richiesta d’indagine

ciuoti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.