Sciopero delle donne tra 10 giorni

Il conto alla rovescia continua proponendo l’immagine di Malala (corredata da un brevissimo commento), la strabiliante adolescente presa di mira dai fondamentalisti islamici, che hanno tentato di ucciderla.

E quasi ci riuscivano.

Per maggiori informazioni andare ai link:

===sciopero

http://www.scioperodelledonne.it/

http://scioperodonne.wordpress.com/

***

Si può aderire allo “sciopero” scrivendo a scioperodonne2013@gmail.com

***

Malala YousufzaiMalala, chi meglio di lei può simboleggiare l’immane sforzo delle donne per liberarsi dalla oppressiva e spesso feroce tutela del sistema di potere padronal-maschilista?  Ce ne sono molte come lei, piccole e grandi eroine della quotidianità. Sono milioni, no miliardi quelle che ogni giorno, procedendo tra mille difficoltà, tra le quali la peggiore a volte è quella determinata proprio dall’uomo che vive loro accanto, tirano su famiglie, accompagnano i vecchi nel loro declino e forniscono un enorme contributo ECONOMICO, prima che nei rapporti umani, alla società. Senza che a tutto questo corrisponda un adeguato riconoscimento.

Danno di più e ricevono meno.

Il 25 novembre lo sciopero delle donne, che mira appunto a correggere tutto questo.

(Mauro Antonio Miglieruolo,

d’intesa con la Redazione del Blog)

Miglieruolo
Mauro Antonio Miglieruolo (o anche Migliaruolo), nato a Grotteria (Reggio Calabria) il 10 aprile 1942 (in verità il 6), in un paese morente del tutto simile a un reperto abitativo extraterrestre abbandonato dai suoi abitanti. Scrivo fantascienza anche per ritornarvi. Nostalgia di un mondo che non è più? Forse. Forse tutta la fantascienza nasce dalla sofferenza per tale nostalgia. A meno che non si tratti di timore. Timore di perdere aderenza con un mondo che sembra svanire e che a breve potrebbe non essere più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.