Scor-data: 29 agosto 1987

Chi ha ucciso Naji Al-Ali?

disegno di Apicella e testo di db (*)NAJI AL ALI CARTOONIST

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Naji al-Ali (in arabo ناجي سليم العلي‎) (Al-Shajara, 1937 – Londra 29 agosto 1987) è stato un artista palestinese.

Nato in un villaggio vicino a Nazaret nel 1948 (anno della proclamazione dello Stato di Israele e del conseguente esodo – spesso una violenta espulsione – di parte della popolazione detta araba, cioè palestinese) a 10 anni emigra con la famiglia ad ‘Ain al-Helwa, uno dei campi profughi in Libano.

Produce i primi disegni quando è incarcerato, per motivi politici, nelle prigioni libanesi. Nel 1961 conosce Ghassan Kanafani, uno dei più noti intellettuali palestinesi (assassinato a Beirut nel 1972) che gli offre l’opportunità di pubblicare i suoi lavori nella rivista الحرية (al-Ḥurriyah “la libertà”).

Così Al-Ali inizia a usare i suoi disegni come strumento di lotta politica […] Il suo personaggio più noto è Handala, un bambino povero raffigurato di spalle perché non d’accordo con la situazione attuale (mostrerà il volto solo quando la Palestina sarà libera).

Naji al-Ali viene assassinato nel 1987 a Londra. Il suo assassino non verrà mai identificato. Il suo assassino non verrà mai identificato. Il suo assassino un giorno verrà identificato?…. Molti altri intellettuali palestinesi sono stati uccisi e i loro assassini non sono stati identificati. Molti, molti, molti altri intellettuali palestinesi sono uccisi nelle loro case o nell’esilio e i loro assassini non vengono identificati. Sì, molti… Assassini mai identificati. Mai. La logica potrebbe suggerire… Ma la logica non basta. Ci vogliono le prove. Bisogna cercare le prove. Chi cerca le prove? Si possono cercare le prove contro persone che sono in un popolo che una volta fu vittima e oggi è carnefice? Forse no, non si possono cercare: perché dicono che i figli delle vittime non possono essere carnefici… Ma la storia purtroppo insegna il contrario. E allora? Chi uccide gli intellettuali palestinesi? Chi imprigiona il popolo di Palestina? (db)

(*) Ricordo – per chi si trovasse a passare da qui per la prima volta – il senso di questo appuntamento quotidiano. Dall’11 gennaio 2013, ogni giorno (salvo contrattempi sempre possibili) troverete in blog a mezzanotte e un minuto una «scordata» – qualche volta raddoppia, pochi minuti dopo – di solito con 24 ore circa di anticipo sull’anniversario. Per «scor-data» si intende il rimando a una persona o a un evento che per qualche ragione il pensiero dominante e l’ignoranza che l’accompagna dimenticano o rammentano “a rovescio”.

Molti i temi possibili. Molte le firme (non abbastanza forse per questo impegno quotidiano) e assai diversi gli stili e le scelte; a volte troverete post brevi: magari solo una citazione, una foto o un disegno. Se l’idea vi piace fate circolare le «scordate» o linkatele ma ovviamente citate la fonte. Se vi va di collaborare – ribadisco: ne abbiamo bisogno – mettetevi in contatto (pkdick@fastmail.it) con me e con il piccolo gruppo intorno a quest’idea, di un lavoro contro la memoria “a gruviera”. (db)

 

 

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.