Scor-data: marzo 415

Ipazia, uccisa in nome di Dio (*)  

Forse avete visto il film (che si cercò in Italia di non far circolare) o letto qualche libro ma più probabilmente ignorate tutto su questa scienziata-filosofa odiata e uccisa da integralisti-terroristi cristiani, poi cancellata dalla storia che, si sa, è scritta dai vincitori. Oggi qui la ricorda Energu. Non sappiamo il giorno esatto della sua morte e abbiamo perduto molti dei suoi scritti: ma ci resta il suo messaggio di dialogo e di ricerca intellettuale, libera da paraocchi. Da qualche anno il nome di Ipazia torna in mille modi, persino come pseudonimo di intellettuali variamente oppresse dai seguaci, perlopiù maschi, di un qualche dio (non importa sapere quale). Ricordiamoci di Ipazia.

marzo-IPAZIA

 

 

 

 

 

 

 

 

(*) Ricordo – per chi si trovasse a passare da qui per la prima volta – il senso di questo appuntamento quotidiano. Dall’11 gennaio 2013, ogni giorno (salvo contrattempi sempre possibili) troverete in blog a mezzanotte e un minuto una «scordata», di solito con 24 ore circa di anticipo sull’anniversario. Per «scor-data» si intende il rimando a una persona o a un evento che per qualche ragione la gente sedicente “per bene” ignora, preferisce dimenticare o rammenta “a rovescio”.

Molti i temi possibili. A esempio, nel mio babelico archivio, sul 12 marzo avevo ipotizzato: 195: ucciso Massimiliano, «obiettore alle armi»; 1507: muore Cesare Borgia; 1610: pubblicato «Siderius nuncius» di Galilei; 1894: entra in commercio la Coca-Cola; 1909: ucciso Joe Petrosino; 1922: nasce Jack Kerouac; 1938: l’industria tedesca è annessa al Reich; 1945: muore Anna Frank; 1946: in Usa una lunga ondata di scioperi si conclude con aumenti salariali; 1947: dottrina Truman; 1951: l’incredibile vicenda di Renato De Benedectis e Junio Valerio Borghese; 1955: muore Charlie Parker, «Bird»; 1977: assassinato Rocco Gatto; 1981: la Rai censura «Aaa offresi»; 1983: si uccide Mario Mieli; 1992: ucciso Lima; 2000: storico ma ambiguo «mea culpa» di Wojtyla. E chissà, a cercare un poco, quante altre «scor-date» salterebbero fuori su ogni giorno.

Molte le firme e assai diversi gli stili e le scelte; a volte troverete post brevissimi, magari solo una citazione, un disegno (come oggi) o una foto. Se l’idea vi piace fate circolare le “scor-date” o linkatele ma ovviamente citate la fonte. Se vi va di aiutarci mettetevi in contatto (pkdick@fastmail.it) con me e con il piccolo gruppo intorno a quest’idea, di un lavoro contro la memoria “a gruviera”. (db)

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

  • il film era proprio una americanata!

    • sì, il film era pieno di difetti ma almeno ha fatto conoscere questa storia (e in Italia infatti certe “alte sfere” cercarono in tutti i modi di impedirne l’uscita; girò anche un appello – ripreso in blog – contro questa schifosa censura ed ebbe il suo effetto positivo)
      Purtroppo il cinema di qualità (se non arriva dagli Usa) in Italia è reso del tutto invisibile: su un tema SIMILE, penso a uno spettacolare (in senso buono) film del 1997 del regista egiziano Youssef Chahine che Morando Morandini definisce “il più grande dei cineasti arabi”, capace di un “cinema popolare e insieme colto”. Si chiama IL DESTINO e racconta la furia degli integralisti contro Muhammad Ibn Rush, che in Occidente conosciamo come Averroè. Una storia istruttiva… per l’oggi.
      Per inciso se qualcuna/o si offre di fare una bella “scor-data” su Averroè qui in blog verrà accolta/o a braccia aperte (db)

  • Per chi volesse conoscere la versione poetica: – IPAZIA – di Mario Luzzi

  • Fabrizio Melodia

    sia lode a Ipazia… qualsiasi parola che userei adesso, sarebbe dettata molto dal sentimento per una donna libera, di pensiero e di corpo… credeva nella filosofia e questo per me è solo un merito e un punto in più…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.