Siria, dolore

di Daniela Pia

Basta, si faccia silenzio. Non sono angeli. Sono bambini, figli, persone. Futuri uomini e donne, forse padri e madri. Esseri umani che non vedranno più il cielo, il mare, un’ alba e un tramonto. Non sentiranno più l’odore della terra bagnata. La musica del vento che cambia le note: sud-ovest-nord-est. Non vedranno la bellezza del corpo che si ama, lento. Il sudore stanco e pregno. Non sentiranno vagiti e pianto. NON.

Porteranno negli occhi sguardi vacui. Sapranno di scarponi chiodati. Chiederanno ad un Dio chi è stato. Quale pena gli spetta per tanta indecenza. Oseranno sguainare la spada. Senza mani a tenerla. Porteranno il tempo in bisaccia. Il viaggio ritorna. E la ruota che gira si ferma. Diventa clessidra.

E sgrana le ore e i giorni, attende.

Adesso aspetta, il fiato sottratto. Chiede il conto al potere incensato. Nessuno osi appropriarsi  del vuoto.

Giungeranno schiere di orbite bianche

Caleranno sulle divise e NON saranno stanche.

Daniela Pia
Sarda sono, fatta di pagine e di penna. Insegno e imparo. Cammino all' alba, in campagna, in compagnia di cani randagi. Ho superato le cinquanta primavere. Veglio e ora, come diceva Pavese :"In sostanza chiedo un letargo, un anestetico, la certezza di essere ben nascosto. Non chiedo la pace nel mondo, chiedo la mia".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.