«Su re»

di Ignazio Sanna (*)
Il titolo non si riferisce a un’apologia della monarchia (non si sa mai) ma all’ultimo film di Giovanni Columbu. Il sovrano al quale allude non è uno qualunque, ma il Rex Judeorum, Gesù Cristo. La storia è nota, non c’è dubbio. Eppure questa ennesima narrazione inaspettatamente si erge al di sopra di molte fra quelle che l’hanno preceduta, e segnatamente i grandi e pur giustamente famosi kolossal hollywoodiani. La recente elezione al soglio pontificio di un seguace di san Francesco – sotto le mentite spoglie di seguace di sant’Ignazio di Loyola – ha riportato l’attenzione su quello che dovrebbe essere il vero messaggio del cristianesimo, amore per l’umanità e rigetto della ricchezza, l’esatto opposto di ciò che è oggi la multinazionale vaticana. Allo stesso modo, Columbu bandisce ogni tentazione sensazionalistica, certamente aiutato in ciò anche dalla scarsità dei finanziamenti a disposizione, per concentrarsi sulla essenziale teatralità, nel senso migliore del termine, della parabola terrena del fondatore di una delle principali religioni mondiali, rendendone il senso autentico. La crudezza della narrazione e del linguaggio utilizzato – il logudorese, la lingua più “interna” e incontaminata fra le varianti del sardo – sono come un arco teso verso il centro del bersaglio/spettatore, catapultato in una Palestina barbaricina più autentica di quella originale, per quanto paradossale possa sembrare. Dialoghi scarni, essenziali, con parole o brevi frasi che suonano come altrettante fucilate, come nel famoso scambio tra Gesù e gli Apostoli nell’Ultima Cena. Uno di voi mi tradirà. Gli apostoli logudoresi, uno dopo l’altro, sparano a bruciapelo: «Deo so?» (sono io?), «no app’esse deo?» (non sarò io?) e così via.
Menzione speciale per il protagonista, assolutamente perfetto nel ruolo, che è quanto di più anti-hollywoodiano si possa immaginare. Il suo nome è Fiorenzo Mattu (lo potete vedere qui in una bella foto di Max Solinas).

FiorenzoMattu-SuRe
Fiorenzo Mattu viene da Ovodda e di mestiere fa la guardia giurata. Il suo volto è prettamente barbaricino-palestinese, perciò certamente molto più simile alla realtà storica delle agiografiche ricostruzioni plastificate del cinema alle quali siamo abituati fin da bambini, e in quanto tale particolarmente efficace.
Con scelta eccellente il regista bandisce dal suo film ogni musica. Perfetto antidoto alle colonne sonore spesso tronfie, ridondanti e banali, il cui risultato principale è di solito disturbare lo spettatore, distraendolo e deconcentrandolo. Proprio per questo si moltiplica l’efficacia dell’unica eccezione, quando il finale è sottolineato da una stupenda composizione sacra di Arvo Pärt, uno dei migliori musicisti “classici” degli ultimi decenni. Cunservet Deu su Re!

(*) Secondo appuntamento con la rubrica «L’isola del giovedì: cinemanonsolo» dove Ignazio Sanna racconta e racconterà cosa accade sulla scena sarda con un occhio agli altri universi. Settimanale o magari quattordicinale ma sempre di giovedì; oggi però esce di venerdì perché ieri in blog c’erano i 12 post sulla «giornata del libro» e dunque era necessario farla slittare. Ovviamente sono gradite le segnalazioni, potete inviarle qui o direttamente a Ignazio.

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

5 commenti

  • Marco Pacifici

    …come si fa a trovare questo film? esiste? l’han bruciato?….

  • no, nessun rogo 🙂 credo stia per uscire a breve se non già uscito nell’isoletta natìa, in qualche sala…ottimo articolo, grazie!

  • mi correggo: è uscito ovunque, a marzo. a breve i dvd, oppure ‘scaricarlo’…

  • Marco Pacifici

    Grazie Gavino Puggioni mi ha linkato tutto… FANTASTICOOOO!!!!

  • RICEVO E POSTO
    Totale accordo con Ignazio Sanna. Il film è fra i più belli che io ricordi, la lezione storico-religiosa impeccabile e memorabile. Le rappresentazioni di Cristo che preferisco, nel mondo dell’arte, sono quelle di Antonello da Messina (osservare le umanissime espressioni dei volti di un uomo spaventato, inerme, ingiustamente sottoposto a torture e morte) e di Foiso Fois (così avversato per il grande pannello di un dio sofferente e infuriato nella chiesa di Pio XI a Cagliari) e adesso aggiungo Giovanni Columbu che ha dato un superbo affresco di quella che poteva essere la vera passione – nei protagonisti e negli scenari – ambientandola nella suggestiva natura del monte Gonare e dintorni. Musiche? E che altro, se non le voci genuine dei luoghi e delle persone. Una bell’opera si può realizzare con pochi soldi, molta intelligenza e spiccata sensibilità umana. “Su Re” credo possa accostarsi solo a un altro film dello stesso argomento, dato agli schermi anni fa da Paolo Benvenuti. Neppure quello ebbe il rispetto della grande distribuzione…
    Mauro Manunza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.