Il Pakistan vive un inferno ambientale

Questa crisi ambientale è anche un’emergenza umanitaria che richiede una risposta coordinata a livello internazionale. La crescente povertà spinge le persone a cercare opportunità altrove, contribuendo alle migrazioni. Inoltre, l’importazione di rifiuti da parte dell’Unione Europea aggrava la già fragile condizione sanitaria, aumenta il lavoro minorile e amplifica il dramma umanitario. di Paula Jesus (*) Del Pakistan si sa pochissimo,

Continua a leggere

Sorveglianza biometrica di massa: dalla Francia all’Unione Europea

L’UE è sul punto di approvare la sorveglianza biometrica di massa di Natale Salvo (*) “Nonostante gli annunci fatti all’epoca dai funzionari europei, l’Artificial Intelligence Act non vieterà la maggior parte delle pratiche pericolose della sorveglianza biometrica di massa (BMS). Al contrario, per la prima volta nell’UE, introdurrà condizioni sulle modalità di utilizzo di questi sistemi” [1]. L’allarme è stato

Continua a leggere

UE: la corsa alle materie prime/1

Come l’Unione Europea utilizza gli accordi commerciali per garantirsi le materie prime per la transizione verde. di Bettina Müller, Luciana Ghiotto, Lucía Bárcena (*) Introduzione “Dobbiamo muoverci alla velocità della luce. Non abbiamo un momento da perdere. Dobbiamo aumentare notevolmente i nostri sforzi. La bomba a orologeria climatica sta ticchettando”. Il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres al lancio

Continua a leggere

Il privilegio del passaporto. Quanto vale la libertà ?

di Oiza Q. Obasuyi (*) I termini “migrazioni” e “migranti” sono quelli utilizzati soprattutto per parlare delle persone che provengono, principalmente, dal Sud America, dall’Africa, dal Medio Oriente e dal Sud dell’Asia. Per indicare invece lo spostamento delle persone che provengono dagli Stati Uniti, dal Giappone o dai Paesi dell’Unione Europea, i termini utilizzati sono principalmente “viaggio”, “expat”, “fuga di

Continua a leggere

Vita privata: sull’UE incombono i nuovi OGM

Con 139 brevetti sui nuovi OGM, le multinazionali sono in prima fila per privatizzare l’agricoltura europea a scapito della qualità del cibo e dei diritti dei contadini. Un nuovo report del Centro Internazionale Crocevia svela che Bayer-Monsanto, Corteva, BASF e Syngenta hanno già depositato 139 brevetti in UE, e aspettano la deregulation dei nuovi OGM per colonizzare l’agricoltura europea. di

Continua a leggere
1 2 3 19