Taranto assassinata, Taranto da liberare

di Chiara Vozza

Il 2 agosto, alla manifestazione in difesa dell’Ilva di padron Riva – con sindacati, politici di destra e di sinistra, giornalisti di pastette varie, vescovi e sagrestani uniti nella lotta – qualcosa di inaspettato è accaduto…(*)

Il corteo ha già cominciato ad avanzare, arrivo da una traversa giusto all’altezza di uno spezzone che non riconosco: alcune centinaia di persone, lì per lì penso che siano militanti dei centri sociali, ma no, certo non tutti, certo non la maggior parte, lo stile, le facce, non sono quelli, e le ragazze sono pochissime, si contano sulle dita delle mani.

E poi, il mezzo con gli amplificatori non è uno dei soliti che aprono i cortei con il sound system, mi avvicino, passo avanti, mi faccio largo e guardo meglio, questo è un ape car, sì insomma un treruote, con una scritta davanti: «Angelo ‘o Siciliano – Trasporti e Traslochi» (traslochi? certo che il signor Angelo dev’essere uno che non si ferma davanti a banali limitazioni di ordine pratico, o magari chissà, forse ha ragione lui, forse c’è sempre più gente che per un trasloco basta un treruote).

Ah, ecco, dimenticavo, lo striscione di apertura dice: SI’ AI DIRITTI NO AI RICATTI – SALUTE AMBIENTE REDDITO OCCUPAZIONE, e poi ci sono gli slogan che mandano affanculo padroni, politici e sindacati.

Insomma, forse ci sono un po’ di ragazzi dei centri sociali, ma tutti gli altri no: tutti gli altri chi sono?

Davanti le bandiere della Cgil e Cisl e Uil, la testa del corteo è arrivata in piazza della Vittoria; quando lo spezzone che sto pedinando si avvicina sono già cominciati i comizi: loro entrano nella piazza compatti al grido di ven-du-ti-ven-du-ti, e incredibilmente la piazza si apre, li fa passare. Dal mio posto di osservazione esterno non ho sentore di tafferugli o grida di oltraggio, i lavoratori al seguito della Triplice non li respingono, non li rifiutano – anzi ai margini della piazza sento mormorii della serie «e c’hanno pure ragione».

Mi allargo, mi allontano, torno alla piazza su un altro lato, un gruppetto di operai con le casacche Ilva sta discutendo della cosa, uno chiede a un altro: «Ma chi sono?» (ecco, finalmente) e l’altro: «Operai dell’Ilva!». «Ma si’ sicuro?». «E come no? Sicuro, sicuro, so’ colleghi». Mi intrufolo: «Scusa, ho capito bene, quelli che stanno contestando i sindacati sono operai dell’Ilva?». «Sì, dell’Ilva, come no, tanti li conosco» . Un altro: «Però non va bene, perché non li fanno parlare? Sono operai pure loro, anche se non sono d’accordo con il sindacato hanno diritto di spiegare i loro motivi, poi i sindacalisti possono sempre rispondere»– già, perché adesso il bailamme è che i “dissidenti” vogliono la parola, i funzionari sul palco non vogliono dargliela, allora quelli cominciano con i fumogeni e il casino, così manco quelli sul palco possono parlare.

«See, e da dove te ne vieni tu col “diritto”?» interviene un altro del gruppetto: «Non li possono fare parlare, se li fanno parlare lo sanno che non possono rispondere niente, lo sappiamo tutti che si sono venduti per anni e loro lo sanno che lo sappiamo, mo’ ci tocca stare qua perché il posto non lo possiamo perdere, ma mica siamo deficienti».

Alla fine dal palco una voce arriva: «La manifestazione è terminata» – non ci posso credere… E infatti dopo poco un’altra voce sempre dal palco rettifica: «La manifestazione si sposta in Piazza Garibaldi» – ohibò, e come fanno a traslocare da un momento all’altro questo ambaradam con baracca e burattini? Neanche lo penso e già intorno a me lo dicono. «Ci spostiamo nell’altra piazza? E come cazzo facciamo a spostarci in questa situazione?».«Ma che vuoi stare a sentire a questi? Sciamen (andiamocene) va».

Intanto gli auto-organizzati si sono presi la parola dal loro treruote, gridano dal loro microfono quello che, appunto, sanno tutti, cioè che in quindici anni questi sindacati non hanno mai organizzato uno sciopero in difesa dei diritti dei lavoratori, si muovono solo adesso che guardacaso ci sono di mezzo gli interessi dei padroni, qualcuno si appella a tutti i colleghi presenti perché ricordino questo, e quello, e quella volta che, e quando abbiamo provato a chiedere con, e quando ci volevamo ribellare a, e ogni tessera del mosaico vergognoso che si va disegnando è intercalata da vi-ricordate-colleghi?! I cenni delle teste dicono che sì, si ricordano, si ricordano tutto.

E quando le voci dal treruote cominciano a parlare dei colleghi morti, dei figli malati, i cenni di assenso non bastano più, si alzano le voci, si levano le mani ad applaudire, mi guardo intorno, ci sono facce contratte, occhi rabbiosi.

A questo punto chi sta parlando viene interrotto, una comunicazione concitata: «Abbiamo ancora due minuti e poi ci caricano, allora solo un’ultima cosa: se domani la magistratura chiude l’Ilva, che sia lo Stato a farsi carico dei lavoratori».

Mi sembra anche giusto, e persino ovvio dovrebbe essere: se c’è un’emergenza sociale, si tirino fuori i soldi per affrontarla, come si fa per le emergenze ambientali, catastrofi e terremoti. Intanto nella piazza c’è confusione, sconcerto: «come ci caricano?», «ci mandano contro la polizia? a noi?».

E no, non si capisce più chi sono quelli con i sindacati e chi sono quelli con i “dissidenti”, le voci, le facce, la rabbia ora sono le stesse: proprio le stesse.

Gli auto-organizzati cominciano a defluire dalla piazza, qualcuno non vorrebbe, si incazza, «possibile che debbano sempre averla vinta loro?». Ma quelli del treruote hanno ragione, non si può rischiare una carica in questa situazione, sarebbe un massacro e ci andrebbe di mezzo chiunque – fra strutture per i comizi e sbarramenti di polizia la piazza risulta chiusa su tre lati, e la via che costeggia l’unico lato “libero” è stipata di gente fino ai muri dei palazzi.

Così alla fine ce ne andiamo, lo spezzone degli autorganizzati, io che continuo a pedinarlo e tanti altri alla spicciolata, un operaio anziano, in casacca Ilva pure lui, incita altri ad andarsene, grida stravolto, come se questa della minaccia della carica fosse la goccia che fa traboccare il vaso, l’umiliazione ultima che dà la stura a tutte le umiliazioni ingoiate negli anni, e mentre se ne va con gli altri dietro, lo sento gridare qualcosa che non capisco e poi, chissà per quale ragionamento, chissà qual è il legame con l’immagine dei celerini che già stanno avanzando: «I nostri figli non sono rifiuti».

Il treruote percorre via D’Aquino, si attesta in quella piazza che per un breve periodo di gloria è stata piazza Giordano Bruno ma oramai è Maria Immacolata.

Una signora prende il microfono, parla di Franco, un amico di suo figlio che lei conosceva bene, un ragazzo meraviglioso, morto di Ilva, chiede che «questa vittoria» – sì, dice proprio così, testualmente: «questa vittoria» – sia dedicata a lui. Un attimo di silenzio, poi i ragazzi che circondano il treruote cominciano a scandire, con voci dure, arrabbiate: «Uno di noi/lui era uno di noi».

Risalgo per via D’Aquino, voglio vedere il corteo di quelli rimasti nella piazza, voglio vedere quanti sono, incrocio invece gente che viene giù alla spicciolata, parte dello spezzone auto-organizzato immagino, stanno sparsi per la via ma uniti da uno slogan che continuano a ripetere: «Taranto/libera! Taranto/libera».

Avanzo ancora, mi fermo, aspetto, del corteo autorizzato come previsto non c’è traccia, aspetto ancora, alla fine eccoli. Cioè, ecco che avanza uno schieramento serrato di celerini, dietro intravedo i “manifestanti”.

Allora decido che non me ne importa niente di vederli, contarli, me ne torno a casa piuttosto: tanto non importa quanti siano quelli che avanzano protetti dalla polizia, la storia di questa giornata l’hanno fatta quegli altri.

ECCO IL COMUNICATO:

SI’ AI DIRITTI, NO AI RICATTI

SALUTE, AMBIENTE, REDDITO, OCCUPAZIONE

Il 30 luglio 2012 si è costituito il comitato spontaneo e apartitico «Cittadini e lavoratori liberi e pensanti». Abbiamo scelto questo nome perché crediamo che, mai come ora, sia necessario superare il conflitto ambiente/lavoro, che fino ad ora ha visto gli operai contrapposti ai cittadini.

Il comitato nasce con questi obiettivi: tutela della salute e dell’ambiente, coniugata al reddito di cittadinanza e alla piena occupazione. Il comitato riunisce operai Ilva, lavoratori, disoccupati, precari, studenti, cittadini che d’ora in poi, per la prima volta insieme, pretendono di essere al centro di ogni decisione politica sul futuro della città di Taranto.

Siamo uomini e donne stanchi di dover scegliere tra lavoro e salute. Imputiamo all’intera classe politica di essere stata complice del disastro ambientale e sociale che da cinquant’anni costringe la città di Taranto a dover svendere diritti in cambio del salario. Siamo stanchi di essere rappresentati da sindacalisti che invece di difendere i diritti dei lavoratori salvaguardano i profitti dell’azienda. Pretendiamo che chi ha generato questo dramma, lo Stato prima, la famiglia Riva poi, paghi per il disastro prodotto. Non vogliamo più pagare con le nostre vite e con i nostri corpi le conseguenze di una crisi ambientale, economica e sociale di cui si conoscono i colpevoli.

Il 2 agosto saremo in piazza non per contestare la decisione della magistratura, né tanto meno per difendere gli interessi della proprietà e le posizioni dei sindacati, ma per reclamare il rispetto di diritti fondamentali fino ad oggi calpestati.

Invitiamo tutti coloro che considerano una vergogna il ricatto occupazionale a cui siamo stati costretti fino ad oggi e che vogliono immaginare e costruire insieme un’altra idea di città, a scendere per strada e a sfilare dietro il nostro striscione: «Sì ai diritti, no ai ricatti: Salute, Ambiente, Reddito, Occupazione».

(*) Questo racconto di Chiara su cosa è accaduto il 2 agosto a Taranto è proprio un altro mondo, una realtà sottosopra, rispetto ai 100 articoli e cronache radio-tv che in fotocopia hanno parlato di un’aggressione dei Cobas al corteo, di tafferugli e contusi eccetera. Nonostante i documenti che circolano in rete le precisazioni dei Cobas e le testimonianze, i media – salvo alcuni articoli de «il manifesto» – hanno continuato a raccontare bugie, senza rettificare una parola. Impressionanti il racconto e le riflessioni controcorrente di Cecilia Mangini, ben nota film maker (è uscito su «il manifesto» del 9 agosto con il titolo: «Il cerchiobottismo italico ha vinto ancora una volta») che si conclude con queste parole: «Lo stesso 3 agosto il governo approva il decreto per la bonifica secondo le richieste padronali e, ahimè, sindacali. Il 7 agosto il Tribunale del riesame lo rende operativo: l’Ilva sia bonificata a spese dello Stato. Non a spese dei Riva e di chi come loro ha messo a reddito, a proprio reddito, l’inquinamento, le malattie e la morte di lavoratori e cittadini ma a spese di tutti gli italiani, lavoratori, precari, disoccupati, inoccupati, cassintegrati, studenti, pensionati».

UNA BREVE NOTA

Il blog è in vacanza per un mese, cioè sino al primo settembre, ma le regole son fatte per trovare qualche motivata eccezione. Così oggi ecco tre post (alle canoniche ore mezzanotte circa, 12 e 19) per spezzare il digiuno. Da domani torna Lettera ai poeti che verranno a tenervi compagnia fino al 1 settembre… salvo imprevisti. Vi rammento anche che i blog “gemelli” di Maria G. Di Rienzo e di Antonio Miglieruolo non sono in vacanza. (db)

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

2 commenti

  • Per seguire le attività del Comitato Cittadini e lavoratori liberi e pensanti:
    http://comitatocittadinioperaitaranto.wordpress.com/.
    Per scaricare alcuni stralci della perizia di Annibale Biggeri, Maria Triassi, Francesco Forastiere, sulla base della quale la gip Todisco ha preso la sua decisione: http://libridibordo.wordpress.com/2012/07/29/perizia-edidemiologica-sullilva-di-taranto/

  • SI, MA QUALE STRATEGIA PER GLI OPERAI I.L.V.A. DINANZI ALL’ALTERNATIVA CASSA INTEGRAZIONE-BONIFICA-INTERVENTO DELLO STATO?
    E’ POSSIBILE E PERCORRIBILE LA PAROLA D’ORDINE “PRENDIAMOCI LA FABBRICA”?
    E’ POSSIBILE CHE L’IDEA DI ESSERE MOTORE ED ARTEFICI DEL DESTINO PROPRIO, DELLE PROPRIE FAMIGLIE E DELL’INTERA CITTA’ , DIVENTI PARTE DELL’IMMAGINARIO COLLETTIVO ED OBIETTIVO DELLA PROPRIA LOTTA ED AZIONE QUOTIDIANA DEI DIECIMILA OPERAI DELL’ILVA?
    PUO’ QUEST’IDEA DALL’IMMAGINARIO DIVENIRE PRASSI REALE DI LOTTA SOCIALE ?
    POSSONO GLI OPERAI AUTORGANIZZARSI PER ASSUMERE IL CONTROLLO DEL PROCESSO PRODUTTIVO E DEGLI IMPIANTI ?
    POSSONO ATTRAVERSO COMITATI DI REPARTO ED UNA ORGANIZZAZIONE PIRAMIDALE ASSUMERE IL CONTROLLO DELLA SICUREZZA DEI PROCESSI PRODUTTIVI, SIA IN RELAZIONE ALLA TUTELA E DIFESA DELLA PROPRIA INTEGRITA’ FISICA CHE DELLA SALUTE DELLE LORO FAMIGLIE E DEI LORO FIGLI?
    PUO’ L’AUTO- ORGANIZZAZIONE DEI COMITATI OPERAI :
    DETTARE MODI , TEMPI ED OBIETTIVI ALL’ATTIVITA’ DI TECNICI ED AMMINISTRATORI AI VARI LIVELLI?
    PUO’ SOSTITUIRE AI VERTICI E AD OGNI LIVELLO, OVE FOSSE NECESSARIO, I QUADRI GESTIONALI E DIRIGENZIALI NON FEDELI ALL’IDEA DI PORRE AL SERVIZIO DI OPERAI E DELL’INTERA CITTA’ IL PROPRIO SAPERE E LA PROPRIA COMPETENZA TECNICA?
    POSSONO I DIECIMILA OPERAI PENSARE DI ESPROPRIARE I RIVA DELLA LORO PROPRIETA’ , DERUBATA ALLA PROPRIETA’ COLLETTIVA E FATTANE STRUMENTO DI RICCHEZZA PRIVATA E DI MORTE PUBBLICA, PER DECIDERE DI PRODURRE COME,COSA E PER CHI’, COLLETTIVIZZANDO GLI UTILI PER IL RIPRISTINO DELLA VIVIBILITA’ DELL’AMBIENTE DI VITA E PER FARE DELLA PRODUZIONE DEL PIU’ GRANDE CENTRO SIDERURGICO D’EUROPA FONTE DI VITA E BENESSERE PER LORO, LE LORO FAMIGLIE, L’INTERA CITTA’ ED IL FUTURO DEI LORO FIGLI?
    PUO’ LA PRODUZIONE ESSERE FONTE DI VITA , BENESSERE, PROSPERITA’ INDIVIDUALE E COLLETTIVA ANZICHE’ FONTE DI MORTE ED ESPROPRIO PER L’ARRICCHIMENTO DELL’UNO O DEI POCHI SIGNOR PADRONI?
    POSSONO I DIECIMILA ESSERE I VERI NUOVI ACQUIRENTI FACENDO PAGARE ALLO STATO IL TRASFERIMENTO DELLA PROPRIETA’ DAI VECCHI PADRONI NON AI NUOVI PADRONI, MA A CHI LAVORA?
    PUO’ LA FORZA E LA LOTTA OPERAIA IMPORRE AD UN GIUDICE, ALLO STATO, DI AFFIDARE LA FABBRICA DELLA MORTE A CHI LAVORA E NON TRASFORMARE LA PUNIZIONE PER UN PADRONE ASSASSINO, NELLA PUNIZIONE PER DIECIMILA OPERAI, CONCRETIZZANDO UNA DELLE DUE IPOTESI INACCETTABILI , CIOE’ LA POTENZIALE TUTELA DELLA SALUTE CON L’ELIMINAZIONE ECONOMICA E SOCIALE, OLTRE CHE FISICA, INSIEME AL PADRONE CARNEFICE DELLE SUE PRIME VITTIME: I DIECIMILA LAVORATORI?
    PUO’ LA FORZA E LA LOTTA OPERAIA ESSERE GARANTE NEI CONFRONTI DELL’INTERA CITTA’ DELL’AVVIO ED ATTUAZIONE DI PERCORSI DI TUTELA DELL’AMBIENTE E DELLA DIFESA DELLA SALUTE DI UN’INTERA COMUNITA’?
    QUESTO IL GRANDE SOGNO DI LOTTA E DI POTERE CHE PUO’ E DEVE PARTIRE DAL TRE RUOTE !!!!!!!!!!
    VIA I PADRONI PRIVATI E DI STATO. SALUTE, VITA, LAVORO : L’ILVA AGLI OPERAI!!!!!
    PRIVATIZIAMO I COSTI, SOCIALIZIAMO GLI UTILI.
    E’ TUTTO QUESTO UN SOGNO? I SOGNI CAMBIANO IL MONDO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.