Una voce donna sfila sola …

di Sandro Sardella

Dunya Mikhail irachena cristiana nata a Baghdad nel 1965, costretta

a fuggire dal regime baathista nel 1995, cittadina americana dal 2007.

L’ho incontrata al Festival Internazionale di Poesia in San Francisco.

L’ho sentita leggere con una compostezza ed un’eleganza discreta e

mai avrei immaginato che al centro della sua poesia ci fosse la guerra.

Incontrandoci mi dice. «Sandro non darmi il tuo libro non so niente di

lingua italiana .. ma ti passo il mio di libro che ha la traduzione in

italiano ..». Così mi trovo tra le mani un libro caro e di raffinata

fattura: «La guerra lavora duro»– traduzione di Elena Chiti – Edizioni

San Marco dei Giustiniani – Genova – 2011.

 

Ecco una scrittura che vive lo stupore del vedere la tragedia. La protesta

nella sua calma è forte quasi pudica.

Come scrive la traduttrice in prefazione .. «..Dunya non grida, non

schiaffeggia, sfila da sola in una manifestazione muta».

 

La gemma

Non è più sul fiume

non è in città

non è sulla carta

il ponte che era

il ponte che eravamo

abituati ad attraversare

il ponte

l’ha gettato nel fiume la guerra

come una signora

la sua gemma azzurra

da sopra il Titanic.

 

L’ombra di una lacrima

Al tempo dei saluti affrettati

e della luce artificiale

l’ombra di una lacrima cala

sul cielo

né ruote che accelerano

né strade

né gomma

la possono cancellare

Sui rami spezzati

si librano uccelli indifferenti

uno di loro resta indietro

niente paura

li raggiungerà tra poco

è solo toccato dall’ombra della lacrima

spezzata sui rami.

 

Con uno sguardo

spezza la cornice

la spezza con uno sguardo

esce il giallo portando epidemie

esce il blu un piede in cielo e l’altro al mare

esce il rosso con le sue guerre

esce il bianco con le sue trecce

esce il nero onta degli amici

esce il verde guardandosi indietro

esce il dentro nel fuori

esco io dentro il quadro vuoto

esco con uno sguardo.

 

 

 

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.