I poeti hanno i pidocchi

di Sandro Sardella

I POETI HANNO I PIDOCCHI

Le mani operaie di Luigi Di Ruscio implacabili

li schiacciano i pidocchi

I piedi contadini di Padre Turoldo con pietà

li schivano i pidocchi

Le dita morbide intellettuali di Balestrini

li sfuggono i pidocchi

La voce tuonante vibrante di Jack Hirschman

li fa tremare i pidocchi

Il parlato amoroso catarroso di Alda Merini

li fa impazzire i pidocchi

Il sarcasmo irridente di Attilio Lolini

li fa scoppiettare i pidocchi

Dalla necropoli Trieste il corrosivo Ugo Pierri

li mette tra i baffi di Stalin i pidocchi

La preghiera bestemmiata di Giovanni Testori

li macella li spolpa i pidocchi

Il jazz mitragliato dei versi di Amiri Baraka

li spara furioso i pidocchi

Le poesie liriche e di lotta di Sante Notarnicola

li spetascia sui muri del carcere i pidocchi

Le pagine strappate dei “Canti Orfici” di Dino Campana

li incartano e li soffocano i pidocchi

Il canto poesia di donna indignata di Agneta Falk

li schiaffeggia i pidocchi

Le rime effervescenti di Gianni Rodari

li rosolano abbronzati i pidocchi

Il mondo salvato dai ragazzini” di Elsa Morante

li affoga nella storia i pidocchi

L’urlo profondo anarchico di Leo Ferrè

li maledice i pidocchi

Le parole di Grecia arrossate di campari di Pastakas

li ubriaca persi i pidocchi

Nel tempo sospeso della scrittura Viviana Faschi

li colloca oltre il limite del linguaggio i pidocchi

 

E’ la pelle chiara che frega il poeta che ha i pidocchi?

Cosa preferisce? Le rose o le margherite?

E i pidocchi come le piacciono?

I pidocchi canticchiano parole cicale

I pidocchi masticano fiori di carta

I pidocchi sospirano coriandoli fuoribusta

I pidocchi ruttano scoreggiano e pisciano

I pidocchi hanno i loro poeti

 

A proposito di .. “Pidocchi” : i venduti – i carrieristi –

i ruffiani – i capitani – gli ipocriti – i rinnegati –

i violenti – gli adulatori – i capi – i fascisti – i razzisti –

gli invidiosi – i padroni della guerra – i notabili –

gli affaristi – gli indifferenti – …….

NOTA DELL’AUTORE

è una poesia che ho letto l’8 agosto nella “Notte dei Poeti” che a Varese si tiene da 32 anni .. una invenzione del poeta Dino Azzalin .. alla quale hanno partecipato Zanzotto, Alda Merini, poeti di qui e di là .. famosi e non .. diventati laureati o rimasti al margine .. quest’anno in forma ristretta .. ma sempre ricca e piacevole ..

Nella foto: a tavola – a Velate di Varese nella casa di Gisa – ci sono io con Agneta Falk e Jack Hirschman … nel 2015

 

La Bottega del Barbieri

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *