Un misterioso fiume rosso

12

di Maria Rita D’Orsogna  (tratto da http://comune-info.net/)

In Siberia c’è un fiume che è diventato rosso. Come le arance di Sicilia. In Siberia dove tutto, secondo la nostra immaginazione lontana, dovrebbe esser bianco e soffice. E invece no. Qui hanno un fiume rosso sanguigno. Fino ad oggi non si sapeva perché.

Siamo a nord del circolo Artico e siamo presso la città mineraria di Norilsk, che in alcune “classifiche” è considerata una delle città più inquinate del mondo. Il fiume si chiama Daldyka.

Due erano le opzioni: ferro o argilla “naturale” che in qualche modo è finito nel fiume colorandolo di rosso o sostanze chimiche finite nel fiume da una delle tante fabbriche di questa città.

Alla prima opzione non credeva nessuno. Anzi, quando è stata proposta la gente ha riso. Il ministro russo delle Risorse naturali e dell’Ambiente invece ha subito puntato il dito contro la chimica siberiana, aprendo una indagine sul caso. Secondo loro avrebbe potuto essere una rottura di un oleodotto della Norilsk Nickel che produce, fra l’altro, palladio, un sostituto del platino che nella sua versione acetata è rossiccia.

Poteva anche essere rame o nickel.

Nonostante tutto ciò, la Norilsk Nickel a lungo ha continuato a dire che era tutto apposto e che i colori erano sfumature naturali rilasciando comunicati stampa del tutto tranquillizzanti. Dicevano di avere anche aumentato i monitoraggi ambientali attorno ai loro impianti e che avrebbero fatto test approfonditi.

Ma intanto naturale o non naturale, l’acqua era ed è rossa. E la gente, che non è scema,  continua a rifiutarsi di berla.

 

Perché parliamo di questa storia sul blog No all’Italia petrolizzata che non ha – per una volta! – a che fare con il petrolio? Perché come con l’Amazzonia, le nevi dell’Artico sono parti del mondo un po’ dimenticate, lontane, in cui è facile pensare che va tutto bene. Lontane dagli occhi, lontane dal cuore. E invece no, sono zone fragili, dove disturbi umani necessitano di anni e decenni per essere in qualche modo sistemati da madre natura.

Gli standard ambientali della RNadezhdaussia in Artico sono quasi osceni, considerato, ad esempio quello che hanno fatto a Usinsk, città petrolizzata dove anche la neve è quasi nera. E quindi il fiume rosso di Norilsk non fa notizia. Anzi, Norilsk in particolare ha una storia tragica: fu fondata nel 1935 proprio come centro minerario. Stalin ci mandava qui i prigionieri a estrarre minerali. I lavoratori vivevano in condizioni desolate, nei gulag. Negli anni Cinquanta venire qui a lavorare per l’industria mineraria divenne volontario, non più per eseguire lavori forzati. La città si ingrandì e sorsero ciminierie sputa fumi, oleodotti, enormi mostri industriali. Tante Ilva messe assieme, senza nessun tipo di protezione dell’ambiente. Vivono qui oggi 134,000 persone, che soffrono tutte per inquinamento ambientale dovuto a particelle fini, SO2, metalli pesanti e fenoli, regali dell’industria mineraria, che ha pure lasciato in eredità un enorme buco.

Ogni anno vengono rilasciati in ambiente 4 milioni di tonnellate fra cadmio, rame, piombo, arsenico, selenio e zinco. L’aria è inquinata con forti concentrazioni di rame e di zinco, e le malattie respiratorie sono elevatissime. Nel giro di cinquanta chilometri dall’impianto di lavorazione del nickel non c’è un solo albero vivente. E oggi c’è pure il fiume rosso.

Finalmente, mercoledì 13 settembre la Norilsk Nickel ha ammesso che sì, la colpa è loro: il 5 settembre le forti piogge hanno causato il riversamento di fluidi nel fiume da un impianto di filtraggio nello stabilimento Nadezhda. E quindi hanno cercato di nascondere la verità per almeno una settimana. Ma sono recidivi. Aggiungono che nonostante l’acqua sia rossa, non ci sono problemi per nessuno, persone, fauna o fiume…

da qui

Francesco Masala
una teoria che mi pare interessante, quella della confederazione delle anime. Mi racconti questa teoria, disse Pereira. Ebbene, disse il dottor Cardoso, credere di essere 'uno' che fa parte a sé, staccato dalla incommensurabile pluralità dei propri io, rappresenta un'illusione, peraltro ingenua, di un'unica anima di tradizione cristiana, il dottor Ribot e il dottor Janet vedono la personalità come una confederazione di varie anime, perché noi abbiamo varie anime dentro di noi, nevvero, una confederazione che si pone sotto il controllo di un io egemone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *