Carbone in Sudafrica: l’Europa finanzia miniere ed esportazione

di Irene Masala (ripreso da www.osservatoriodiritti.it)

Germania, Francia e Svezia sostengono la crescita del carbone in Sudafrica. Con il risultato di favorire danni all’ambiente e violazioni dei diritti umani: insicurezza alimentare, scarso accesso all’acqua potabile e povertà generalizzata, soprattutto per donne e bambini.

Lo denuncia la ong Swedwatch nel suo ultimo report, Up in Smoke: diritti umani e impatti ambientali dei crediti all’esportazione per il carbone (scarica il pdf).

 

Il ruolo delle Agenzie di credito all’esportazione

Secondo Swedwatch gli investimenti esteri continuano a sostenere il mantenimento e l’espansione dell’industria del carbone, soprattutto in quei Paesi che ne sono già strettamente dipendenti.

«Questo sostegno è in parte facilitato e garantito dalle agenzie di credito all’esportazione (Eca)», precisa lo studio. Le Eca sono istituzioni statali, o enti semi governativi sostenuti dai vari Stati, che svolgono attività di intermediazione tra i governi nazionali e le imprese esportatrici.

«Dal 2007, le Eca e le banche di esportazione sostenute da Germania, Svezia e Francia sono state importanti attori finanziari nel settore carbonifero sudafricano garantendo i crediti all’esportazione e fornendo macchinari, know-how e attrezzature».

 

Danni del carbone in Sudafrica: miniere e inquinamento

L’analisi si concentra in particolare sul Sudafrica. «Un paese che ha registrato un riscaldamento doppio rispetto alla media globale, dove le centrali elettriche alimentate dal carbone rappresentano circa la metà delle emissioni totali».

Lo studio documenta anche le dure condizioni di lavoro alle quali sono sottoposti i lavoratori del settore carbonifero. Molti di coloro che vivono nelle vicinanze di miniere di carbone e di centrali elettriche vengono, infatti, colpiti più facilmente da fenomeni come insicurezza alimentare e fisica, inquinamento dei terreni agricoli e sfruttamento sessuale, soprattutto per quanto riguarda donne e bambini, oltre a un grave inquinamento atmosferico…

(continua) Puoi leggere l’articolo integrale di Irene Masala, Carbone in Sudadrica: l’Europa finanzia miniere ed esportazione, su Osservatorio Diritti

 

La Bottega del Barbieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *