Contro la pena di morte…

incontri (in Italia) con Dale e Susan Recinella che assistono i condannati a morte della Florida e le loro famiglie.

Qui sotto l’editoriale – di Grazia Guaschino – e a seguire la presentazione del nuovo numero del «Foglio di Collegamento» del «Comitato Paul Rougeau» e il sommario.

Come molti sanno, Dale Recinella, statunitense di origini italiane, dopo un’esperienza ultraventennale di avvocato specializzato nelle grandi transazioni finanziarie, nel 1998 cominciò a dedicarsi ai detenuti in isolamento in Florida, assistendoli spiritualmente come cappellano laico.

Dale si reca quasi quotidianamente nel braccio della morte della Florida (il secondo braccio della morte degli Stati Uniti) e, passando di cella in cella, fa visita ai 400 uomini condannati alla pena capitale. Dale e sua moglie, la psicologa Susan Recinella, si attivano in sintonia durante le esecuzioni, in quanto Dale assiste spiritualmente il condannato e Susan dà assistenza psicologica e spirituale ai suoi familiari e amici. Essi prestano inoltre assistenza ai familiari e agli amici delle vittime dei crimini.

Dale S. Recinella scrive articoli per i giornali «The Tallahassee Democrat» e «The Florida Catholic», tiene spesso conferenze in America e in Europa ed è autore dei libri: «The Biblical Truth about America’s Death Penalty» (Boston – Northeastern University Press, 2004) e «Now I walk on Death Row» (tradotto in italiano con il titolo “Nel braccio della morte” per le Edizioni San Paolo nel 2012) nonché di numerosi articoli per giornali e riviste.

Dale e Susan hanno cinque figli e vivono in Florida.

Questa splendida coppia verrà di nuovo in Italia nei prossimi giorni e il Comitato Paul Rougeau ha organizzato, anche in collaborazione con Amnesty International e con la Comunità di Sant’Egidio, una serie di conferenze e di presentazioni dell’ultimo libro di Dale in varie città italiane. Alcuni incontri avvengono nelle scuole o in carcere, altri sono aperti al pubblico. Vi invitiamo pertanto a consultare il calendario degli incontri aperti al pubblico e a venire numerosi ad ascoltare questi due nostri amici. Tutti gli interventi saranno tradotti passo passo per voi in italiano.

Dale spesso comincia le sue conferenze cercando di mettere il pubblico a suo agio, specie quando si tratta di giovanissimi: parla di Topolino (in Florida c’è il famoso parco Disney), delle belle spiagge, fa qualche battuta divertente. Questo però non deve trarre in inganno: poco dopo il discorso si fa molto serio. 

Entrando in argomento, Dale di solito spiega come mai lui, di origine italiana, non parli la nostra lingua. Racconta del caso atroce degli immigrati italiani Sacco e Vanzetti ‘giustiziati’ sulla sedia elettrica alla fine degli anni Venti: «La pena di morte ha conseguenze negative remote e impensabili ed è ingiusta, irrimediabile, ricade solo sui poveri, sugli emarginati e anche sugli innocenti».

Dale descrive la vita terribile nel braccio della morte: «Quale può essere lo standard di attenzione da parte di uno Stato nei riguardi di uomini che tiene rinchiusi in gabbie in attesa di ammazzarli?».

Anche le parole di Susan, che nel giorno dell’esecuzione condivide il calvario dei familiari del condannato mentre costui viene ucciso, sono ricche di sentimento e a volte spezzate dalla commozione.

E’ bello conoscere una coppia come questa, sapere delle loro attività e ascoltare direttamente la loro esperienza. E’ per me un grande onore essergli amica, un privilegio l’opportunità di vivere in me – traducendo ogni volta dall’inglese passo passo – la testimonianza che ci danno.

CONFERENZE DI DALE E SUSAN RECINELLA APERTE AL PUBBLICO

Giovedì 18 ottobre:

Ore 18 – Conferenza di Dale e Susan Recinella al CENTRO STUDI “SERENO REGIS” – Sala Gandhi – Via Garibaldi 13 – TORINO

Sabato 20 ottobre:

Ore 17,30 – Presentazione di Dale e Susan Recinella del libro “Nel braccio della morte” per le Edizioni S. Paolo – LIBRERIA S. PAOLO – Via della Consolata, 1/bis – TORINO

Domenica 21 ottobre:

Ore 15,30 – Conferenza di Dale e Susan Recinella per Amnesty International – CASA DEL QUARTIERE – Via Morgari, 14 – TORINO

Mercoledì 24 ottobre:

Ore 21 – Conferenza di Dale e Susan Recinella alla PARROCCHIA S. GIULIO D’ORTA – Corso Cadore, 17/3 – TORINO

Giovedì 25 ottobre:

Ore 18 – Presentazione di Dale e Susan Recinella del libro “Nel braccio della morte” per le Edizioni S. Paolo – TEATRO SAN SIRO, via alla Chiesa Plebana, 5 – GENOVA

Lunedì 29 ottobre:

Ore 18 – Presentazione di Dale Recinella del libro “Nel braccio della morte” per le Edizioni S. Paolo – CAFFE’ LETTERARIO LE MURATE – Piazzale Le Murate – FIRENZE

Mercoledì 31 ottobre:

Ore 17,30 – Presentazione di Dale Recinella del libro “Nel braccio della morte” per le Edizioni S. Paolo – LIBRERIA PIAVE (MONDADORI FRANCHISING) – Via Piave 18 – ROMA

Ecco la presentazione del numero 200 del «Foglio di Collegamento» del «Comitato Paul Rougeau». A seguire il sommario.

In apertura trovate il programma del tour che il nostro amico Dale Recinella, assistente spirituale laico dei condannati a morte della Florida, fara’ in Italia nella seconda meta’ di ottobre. Nel corso del tour, organizzato dal Comitato Paul Rougeau con la collaborazione di Amnesty International e della Comunita’ di Sant’Egidio, Dale terra’ numerose conferenze per raccontare la sua esperienza e presentare il suo nuovo libro: «Nel braccio della morte». Dale Recinella sara’ affiancato dalla moglie Susan, psicologa, che collabora con lui assistendo i familiari dei condannati a morte. Molte conferenze di Dale e Susan saranno aperte al pubblico: VI INVITIAMO caldamente a parteciparvi. Specialmente se vivete a Torino, Genova, Firenze, Roma, o non lontano da tali città, venite a sentire Dale e Susan, ne varra’ sicuramente la pena!
Gli articoli contenuti in questo numero riportano notizie tragiche, come al solito, ma anche notizie positive, come ad esempio la sentenza della nostra Corte di Cassazione che suggella il procedimento a carico di militari ed agenti segreti statunitensi e italiani che, nel 2003, parteciparono al rapimento per strada a Milano dell’imam Abu Omar. E’ stata cosi’ sanzionata la pratica intrinsecamente illegale della
rendition, messa in atto dagli Stati Uniti dopo gli attentati dell’11 settembre 2001.
Alta notizia positiva e’ la liberazione dopo 15 anni detenzione di Damon Thibodeaux, che fu condannato morte in Louisiana nel 1997 ed è risultato pienamente innocente.
Alcune notizie sono grigie, a esempio quella riguardante la sempre procrastinata introduzione del reato di tortura nel nostro codice penale.
Come nel numero precedente, non possiamo darvi notizie positive sull’esito della ricerca di un buon avvocato che – con un modesto finanziamento da parte nostra – possa aiutare Gerald Marshall, uno dei due condannati a morte del Texas da noi adottati. Ne’ vi sono novita’ per l’altro detenuto adottato, Larry Swearingen.
Invitiamo a partecipare SUBITO alla PETIZIONE in favore di Anthony Haynes, un condannato a morte del Texas la cui esecuzione e’ fissata per il 18 ottobre: nel relativo articolo (il secondo di quelli che compaiono nel Foglio di Collegamento) trovate il link che permette di aderire agevolmente alla petizione:
http://takeaction.amnestyusa.org/siteapps/advocacy/ActionItem.aspx?c=6oJCLQPAJiJUG&b=6645049&aid=518893
e istruzioni dettagliate per aderire.
Giuseppe Lodoli per il Comitato Paul Rougeau
PS: I numeri arretrati del Foglio di Collegamento si trovano nel nostro sito www.paulrougeau.org

 

Sommario del numero 200:

Di nuovo in Italia la testimonianza dei coniugi Recinella di Grazia Guaschino

Partecipiamo tutti alla petizione in favore di Anthony Haynes

La pena capitale, un’inutile violazione dei diritti umani di Claudio Giusti

Incertezza sull’esito del referendum abolizionista in California

Aggravanti capitali

La pressione internazionale ferma le esecuzioni in Gambia

Continuano le esecuzioni in Giappone

Liberato un innocente che “confessò” e fu condannato a morte

Definitive le condanne per la rendition di Abu Omar

Niente pena di morte per gli assassini di Vittorio Arrigoni

Corte internazionale e tortura, lentissimi passi in avanti

Foto piuttosto sgradevoli

Due lettere di Fernando

Notiziario: Georgia, Ohio, Regno Unito, Sri Lanka

 

 

Giuseppe Lodoli
Ex insegnante di fisica (senza educazione). Presidente del Comitato Paul Rougeau per il sostegno dei condannati a morte degli Stati Uniti.
Lavora in una scuola di Italiano per stranieri di Sabaudia (LT) (piu' che altro come bidello).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.