Cosplay – 2

Non bluffare, bellezza, bambina mia, dato che se pur non ti conosco, per quel che appari, già sento di volerti bene. Sii sincera con me,

a che ti serve fingere? sei trasparente, come vuoi che creda al tuo marziale atteggiamento, è palese che il tuo è tutt’altro che un mero travestimento. Ti stai solo vantando, in raltà.

Mai vanteria fu meno utile. Vali quel che vali, cioé un Perù, di più e non di meno, nonostante la finta aria di sfida, il costume e la lancia a doppia punta.
Lo dice la postura, troppo studiata per l’improvvisato d’uno scontro; lo dice la mano sinistra nei capelli, vezzosamente alzata a riparare dal vento: la rilassatezza tutta del corpo.
Che a sua volta dice: abbracciami, ti abbraccerò. Amami, con molti buoni argomenti ti amerò, per il vero, vera nei tuoi confronti.
Ti offro una sola scelta, di trattarmi bene. Allora sì che starai bene: in una nuvola di baci e di carezze ti avvilupperò.
E la lancia a doppia punta della mia bellezza userò per difenderti da te stesso, dai mostri che pur abitano il tuo cuore.
Mauro Antonio Miglieruolo

Miglieruolo
Mauro Antonio Miglieruolo (o anche Migliaruolo), nato a Grotteria (Reggio Calabria) il 10 aprile 1942 (in verità il 6), in un paese morente del tutto simile a un reperto abitativo extraterrestre abbandonato dai suoi abitanti. Scrivo fantascienza anche per ritornarvi. Nostalgia di un mondo che non è più? Forse. Forse tutta la fantascienza nasce dalla sofferenza per tale nostalgia. A meno che non si tratti di timore. Timore di perdere aderenza con un mondo che sembra svanire e che a breve potrebbe non essere più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.