Due ottimane di passione 5 – Sacrifici e povera gente


Da domenica a domenica, prima ottimana di passione
5 – Un sacrificio al giorno leva il medico di torno. E richiama il becchino.

Per la povera gente fare sacrifici significa privarsi dell’essenziale.
Per gli abbienti fare sacrifici non comporta nemmeno essere privati del superfluo.

Perciò non vale chiederglieli. Non c’è frutto considerato che non soffrono. Inutile perciò pretendere da loro qualcosa. Nessuno infatti ci pensa.

Deve avere effettuato lo stesso pensiero Fornero per non riuscire a trattenersi in quel modo…

Mauro Antonio Miglieruolo

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *