Istruzioni su agosto…

e altro; con subdola segnalazione finale della prossima uscita (ottobre) di «Quando c’era il futuro» di Daniele Barbieri e Raffaele Mantegazza  

1 – AGOSTO CHE FATICA?

Come l’anno scorso la piccola redazione del blog dal primo agosto si prende (per un mesetto circa) un po’ di vacanza. Ma a differenza dell’anno scorso ogni giorno troverete la «scor-data»: a fuuuuuuuuuuror di popolo infatti siamo state invitate/i a non interrompere.

2 – REGOLE ED ECCEZIONI

Ovviamente chi nella piccola redazione sentirà il bisogno di postare qualcosa lo farà ma fino a settembre non troverete i soliti tre appuntamenti (quattro contando la «scor-data») quotidiani e i relativi appuntamenti fissi da martedì a domenica.

3 – CHIEDO VENIA

Io personalmente io, proprio me medesimo (in ciccia, piume, chele e tentacoli) sono colpevole di misfatti d’ogni genere ma quello “bloggistico” più trucido è non avere recensito alcuni bei libri pur letti. Come è potuto accadere? E’ semplice: nei giorni successivi alle letture sono stato travolto (da qualcosa, qualcuna/o, da misteriosi e-venti, dal destino cinico e baro, dalla stanchezza, dal super-lavoro … o da chi si ricorda più). Mi piacerebbe però rimediare, proponendo – magari proprio con una sorta di mini-rubrica intitolata «Chiedo venia» – un po’ delle recensioni (e/o pensieri e/o articoli) che finirono in qualche ingorgo mentale. Vediamo se sarà un agosto tranquillo e se ci riuscirò.

4 – INFINE PUBBLICITA’ PER ME STESSO E PER RAFFAELE

Che rullino i mouse e trillino le chiavette Usb, che sorridano le nuvole e si arrabbino gli uragani, che rimbombino i toraci robotici e danzino le astronavi. A ottobre esce da Franco Angeli «Quando c’era il futuro» di Daniele Barbieri e Raffaele Mantegazza, con il sottotitolo «Tracce pedagogiche nella fantascienza».

Ve ne riparlerò ma intanto ecco il doppio indice. Perché doppio? Nel senso che gli argomenti sono affrontati due volte con diverso tagkio: nella prima parte («Narrare futuri: i temi della fantascienza») da Barbieri; nella seconda parte («Generare futuri; tracce pedagogiche») da Mantegazza.

1 – Sul concetto di umanità

2 – Mondi sottosopra: la fantascienza, la politica e i poteri

3 – La violenza è per sempre? Russell, Dick e Ursula Le Guin dicono di no

4 – Breve viaggio fra gli alieni

5 – E se la fine del mondo fosse anche un inizio?

6 – Dio ha un futuro? (primo filone: Ogni epoca ha il suo dio; secondo filone: Sguardi alieni sulle religioni; terzo filone: Supermarket delle fedi)

7 – Ecologie per il futuro prossimo

8 – Il tempo e i suoi paradossi

9 – Utopie, distopie e infiniti mondi

10 – Genitori perduti nello spaziotempo?

11 – Bambini inquietanti, bambini maledetti

12 – Maschile, femminile e altre complicazioni

Il libro è completato da una breve «introduzione», da un «dizionarietto fantascientifico» e da una «bibliografia minima per vagabondare fra mondi e futuri», scritti a 4 mani.

Ovviamente gli autori sono ben felici di presentarlo sia nella forma più tradizionale che in serate con letture e film.

Per contatti: Daniele Barbieri: pkdick@fastmail.it; Raffaele Mantegazza: info@raffaelemantegazza.com

By-bit-bau e ovviamente buon agosto

redaz
Un piede nel mondo cosiddetto reale (dove ha fatto il giornalista, vive a Imola con Tiziana, ha un figlio di nome Jan) e un altro piede in quella che di solito si chiama fantascienza (ne ha scritto con Riccardo Mancini e Raffaele Mantegazza). Con il terzo e il quarto piede salta dal reale al fantastico: laboratori, giochi, letture sceniche. Potete trovarlo su pkdick@fastmail.it oppure a casa, allo 0542 29945; non usa il cellulare perché il suo guru, il suo psicologo, il suo estetista (e l’ornitorinco che sonnecchia in lui) hanno deciso che poteva nuocergli. Ha un simpatico omonimo che vive a Bologna. Spesso i due vengono confusi, è divertente per entrambi. Per entrambi funziona l’anagramma “ride bene a librai” (ma anche “erba, nidi e alberi” non è malaccio).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.