Lavoro a turni e cancro

di Vito Totire (*)

L’ 8 marzo l’agenzia Ansa ha diffuso la notizia che «la Asl Bari ha messo a punto un progetto, attivo da gennaio, che rende obbligatori gli screening mammografici per le lavoratrici dell’ospedale San Paolo di Bari dove finora sono 10 i casi di donne, tra 40 e 50 anni, che fanno turni di notte e che hanno contratto il carcinoma mammario». La IARC – International Agency for Research on Cancer (il cui logo vedete qui sopra) – già nel 2007 ha classificato il lavoro a turni come probabile cancerogeno per l’uomo (Gruppo 2A). E’ importante che una ASL – organizzazione che per missione produce salute – se ne sia accorta. Ci sorprende che abbia messo in atto solo misure di prevenzione secondaria cioè di diagnosi precoce e non di prevenzione primaria. Ci chiediamo se l’INAIL sia stata informata dei 10 casi di cancro al seno diagnosticati. Pubblichiamo un commento di Vito Totire, medico della prevenzione a Bologna.

 

La notizia proveniente da Bari non sorprende; che una organizzazione del lavoro a turni comprendente la notte potesse comportare un rischio cancerogeno era noto da tempo e in effetti i primi riscontri hanno riguardato le donne e il carcinoma mammario. Successivamente però si è constatato – a seguito di ricerche epidemiologiche in particolare in Francia, Canada e Svezia – che l’incremento di tumori fra lavoratori turnisti si poteva osservare anche tra gli uomini con particolare riferimento a polmone, vescica, colon-retto, prostata e LNH cioè linfomi non Hodgkin.

Da subito i riflettori sono stati puntati sul decremento di melatonina causato dallo stato di veglia notturno associato a esposizione alla luce; in senso più lato pare coinvolto il sistema immunitario che un indebolimento dei meccanismi di difesa. Il tutto ha condotto la IARC a classificare il lavoro con turni notturni tra i fattori di rischio classificati 2 A (probabile cancerogeno).

La prima rivendicazione della abolizione del lavoro notturno è delle leghe operaie alla fine dell’Ottocento! I neurologi peraltro hanno sempre definito l’uomo un animale diurno e il lavoro di notte come certamente e inevitabilmente nocivo per la salute umana. Nonostante tutto questo non solo si è assistito nel mondo a un incremento parossistico del lavoro di notte, legato non a motivazioni oggettive, ma a esigenze produttivistiche. Piuttosto l’Italia è sempre stata “rimproverata” di essere fra i Paesi che hanno resistito eccessivamente alla domanda di organizzazione del lavoro 24 ore su 24.

In questo contesto giunge la iniziativa di Bari. Cosa dire?

  • Positivo che i dati vengano diffusi.
  • Inaccettabile che si punti solo sulla diagnosi precoce.
  • Tutti gli interventi finalizzati alla diagnosi precoce devono essere svincolati dall’approccio degli esami coatti; le lavoratrici hanno motivo e dati sufficienti per aderire volontariamente a programmi di monitoraggio.
  • Oltre alle diagnosi precoci occorre una riorganizzazione ergonomica del lavoro, peraltro obbligatoria per legge, che possa mitigare gli effetti del distress e del lavoro notturno davvero non eliminabile (in effetti il lavoro in ospedale è tra i pochi comparti in cui una certa quota di lavoro notturno è inevitabile; ma la fatica può e deve essere bilanciata da altre forme di recupero e non solo fronteggiata con tentativi di diagnosi precoce); ovviamente in relazione alle forme di compenso (più ferie, più riposi ecc.) occorre ben valutare l’abituale carico di lavoro domestico per le donne la cui gravosità, in tutto il mondo, è una costante sia pure differenziata fra le diverse aree.
  • Pare rimosso il problema del riconoscimento di causa professionale per le donne e per gli uomini, soprattutto se consideriamo che gli organi bersaglio individuati dalla IARC sono colpiti spesso da alte concause oncogene trascurate o considerate, da qualcuno, “insufficienti”.
  • Occorre adottare un piano sistemico e generale di prevenzione del lavoro notturno “evitabile” anche diffondendo la consapevolezza della sua nocività per la salute.

Come concludere?

Alle donne lavoratrici menzionate nella osservazione un sincero augurio di guarigione che, come sappiamo, è ben possibile. Agli osservatori e addetti al lavoro di prevenzione: cerchiamo di essere più lungimiranti, di puntare anche e soprattutto alla prevenzione primaria, di fare affidamento non sugli obblighi ma sulla piena consensualità. Comunque, grazie per averne parlato e aver diffuso i dati; meglio prevenire che rimuovere.

(*) ripreso da www.salutepubblica.net, sito di «Ricerca Documentazione Informazione per una medicina Preventiva Sociale Collettiva Umana»

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Un commento

  • gian marco martignoni+

    Sul danno alla salute dei lavoratori e delle lavoratrici, nonchè al loro benessere psico-fisico, erano apparsi saggi di grande spessore sulla rivista “Sapere”, diretta da Giulio Maccacaro. Purtroppo, siamo andati nella direzione opposta al principio di prevenzione, nel senso che la turnistica -soprattutto per per via degli investimenti effettuati in ogni ciclo produttivo in capitale costante -è dilagata in ogni settore lavorativo ed ha rimosso nel nostro paese il divieto al lavoro notturno per le donne, attraverso la pressione delle direttive europee.Giustamente Vincenzo richiama le rivendicazioni delle leghe operaie di fine ‘800. Ma la coscienza sindacale e politica non è un dono della natura, e ad un avanzamento delle ricerche epidemiologiche non corrisponde – nell’epoca del capitalismo 24 ore su 24 – una consapevolezza adeguata ad invertire una tendenza letale anche sul piano della socializzazione non solo famigliare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.