Oltraggiosamente ingannati

Di Mauro Antonio Miglieruolo

Ragazzi, elettori del PD, sono anni e anni che oltraggiosamente vi ingannano e, per tamponare la vostra legittima indignazione, continuano a farlo, facce toste inaudite, accampando costrizioni politiche da loro stessi create

(sotto la direzione di Napolitano), straparlando di impossibilità politica (la politica è l’arte del possibile) e di servizio al paese. Frottole con le quale cercano di giustificare la scelta di dare luogo al governo Letta, frutto ed espressione delle “larghe intese”, alias inciucio perpetuo, vocazione permanente di gran parte del PD; e che comunque dovrebbe essere, questa la promessa, “provvisorio”, mera risposta a una situazione di “emergenza”.
Ma, attenzione, di quale provvisorietà vanno cianciando costoro se già progettano di portare il governo alla data della sua “naturale” scadenza, nel 2017? Si tratta dunque di una alleanza strategica, che probabilmente tenterà anche di portare a termine il progetto di devastare la costituzione uscita dalla Resistenza. Sponsor del progetto Il Signor Licio Gelli, che sono decenni che ne parla; e che, essendo risultati vani tutti i tentativi precedenti di stravolgerla (incluso quelli molto seri e pericolosi messi in atto da Berlusconi), tramite l’orrida innaturale alleanza PD-PDL è possibile riesca a realizzarla.
La Signora Mussolini, che poi tanto signora negli atteggiamenti non è, denuncia intanto (lei!)le nefandezze dei sorrisetti, le strizzatine d’occhio e pacche sulle spalle che le gentildonne e i gentiluomini che abbiamo mandato in Parlamento si scambiano allegramente, sicuri come sono di avere ormai in pugno l’Italia. Se risultano indigesti a una come lei, immaginate di quale spettacolo osceno debba trattarsi!
Tutto questo voi, se rinuncerete a turarvi il naso per l’ennesima volta, lo potete cambiare. Se mostrerete insofferenza nei confronti dei quei rappresentanti che con tanto disprezzo della vostra volontà vi rappresentano: di questi “sinistri” con la casacca della destra sempre a portata di mano. Senza però, per manifestare il vostro disgusto e il vostro disdegno, aspettare il 2017. Ma già domani, unendovi a coloro che dal PD si sono staccati per riempire le piazze e far sentire il peso della crescente indignazione.
Bisogna far capire a questo gruppo di incapaci e irresponsabili che devono farsi da parte. Non in quattro o cinque o sei, ma tutti. Tutti devono volgersi a cercare un altro mestiere.
Bisogna inoltre far capire a coloro che inevitabilmente ne prenderanno il posto, che essere di sinistra vuol dire avere valori e obiettivi alti, non i miserabili fin qui portati avanti. Vuol dire essere per i beni comuni, per il rispetto della volontà degli elettori, per la trasparenza, per salari e pensioni decenti, per la liberta di sciopero, per i diritti civili e per l’eguaglianza. Che la politica è un servizio, non un privilegio. O, al più, il privilegio di poter rendere un servizio. Non quello che è diventato, mezzo di successo personale e arricchimento, per fare grandi carriere e godere di un posto stabile e sicuro: uno scranno in Parlamento, nelle giunte regionali o in quelle comunali, anche ai meno inclini al compromesso, lo si trova sempre. Posti stabili e sicuri, gli unici ormai rimasti, quegli stessi posti che ci rinfacciano quotidianamente di volere e che loro ostinatamente perseguono.
Altrimenti, se non farete questo, sappiatelo, dall’inferno in cui costoro ci hanno gettato (loro, insieme a Berlusconi), non usciremo mai.
***
http://miglieruolo.wordpress.com/2013/07/02/oltraggiosamente-ingannati/

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.