Oltre le nuvole… Majakovskij

di Sandro Sardella  

il karaoke della miseria politica .. maleodorantemente sempre

udibile & visibile .. disabilita .. deprime .. inferocisce ..

un poco di lenimento l’ho trovato .. (fra “compagni” ) .. nella

corroborante ri/lettura del grande Majakovskij .. dove accanto

alla rabbia è l’ironia graffiante & provocatoria che smaschera

& ridicolizza .. .. (il tempo dell’attesa pare non finire .. .. ) ……

 

Le smanie per le sedute

Appena la notte si converte in alba,

io rivedo ogni giorno:

chi va nel glav,

chi nel kom,

chi nel polìt,

chi nel prosvièt,

si sparpaglia la gente per gli uffici.

Ti piovono addosso gli incartamenti,

appena entri nell’edificio:

dopo averne scelti una cinquantina

  • dei più importanti –

gli impiegati si sparpagliano per le sedute.

 

Ti presenti:

«Non potrebbe concedermi un’udienza?

Vado e vengo da tempo immemorabile».

«Il compagno Ivàn Vànyc ha una seduta

per la fusione del Teatro con le Scuderie».

 

Percorri cento scale.

Il mondo si fa uggioso.

Di nuovo:

«Tornate fra un’ora.

Tengono una seduta per l’acquisto

d’una boccetta d’inchiostro

dalla Cooperativa Provinciale».

 

Un’ora più tardi non trovi

né segretario

né segretaria:

il deserto!

Sino ai 22 anni sono tutti

alla seduta del Komsomòl.

 

Salgo di nuovo, benché sia già notte,

all’ultimo piano d’una casa a sette piani.

«E’ venuto il compagno Ivàn Vànyc?».

«E’ alla seduta

dell’a-bi-ci-di-e-effe-gi-comitato».

 

Infuriato,

come una valanga

mi precipito alla seduta,

vomitando per strada selvaggi impropèri.

E vedo

che le persone seggono qui dimezzate.

Oh, diavoleria!

Dov’è l’altra metà?

«Scannati!

Uccisi!»

mi agito urlando.

Dal quadro tremendo è sconvolta la ragione.

E sento

la vocetta tranquilla del segretario:

«Essi sono a tempo in due sedute.

In un giorno

dobbiamo partecipare

a una ventina di sedute.

Bisogna per forza dividersi a pezzi!

Sino alla cintola qui,

e il resto

altrove».

 

Dal turbamento non posso chiuder occhio.

Primo mattino.

Con un sogno accolgo l’alba:

«Oh, se ci fosse

ancora

una sola seduta

per estirpare tutte le sedute!».

 

(1922 – traduzione di Angelo Maria Ripellino)

 

«Ieri ho letto, per caso, nelle Izvestija, una poesia di Majakovskij

di tema politico. Non sono fra gli ammiratori del suo genio poetico,

anche se ammetto la mia incompetenza in questo campo. Ma era

da un pezzo che non provavo un tale piacere, come uomo politico

e uomo di governo. Nella poesia, il poeta prende in giro le riunioni,

e rimprovera i comunisti, perché non smettono mai di fare riunioni

su riunioni. Non mi pronuncio sul livello poetico, ma per quanto

concerne la politica, è giustissimo» (Lenin).

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.