Orlando – Daniele Vicari

(visto da Francesco Masala) un prezioso film italiano in sala e un cortometraggio belga con un finale che non t’immagini

una storia di tempi che passano e altri che arrivano, di mondi che muoiono e altri che arrivano.

Orlando è uno che chi non è cresciuto sempre in città ha sempre conosciuto, come ha sempre conosciuto persone di poche parole, evitando spesso le parole inutili, e qualche volta, purtroppo, quelle necessarie.

Orlando (interpretato da Michele Placido benissimo) è uno che non cambia mai idea, e se ha torto soffre a chiedere scusa (se riesce a chiedere scusa).

il suo unico figlio Valerio è un pezzo della sua carne, e quando Valerio, pensando che la misera vita col padre sia impossibile da sostenere , decide di partire alla ricerca di un’altra vita, Orlando non lo perdona, e non si sentono mai più, per molti anni.

fino a che Orlando viene chiamato con urgenza da Bruxelles, e non riesce a non andare, e parte, come erano sempre partiti i suoi antenati verso il nord, in treno, con una valigia di cartone, un po’ di pane e formaggio, e tutti i soldi addosso.

poi scopre Lyse e inizia una nuova vita e con lentezza deve cambiare, per amore.

è un film fatto di molti silenzi e sguardi, Orlando è una roccia che poi deve sciogliersi, quanto basta.

bravissimo Daniele Vicari (e Teho Teardo che ha composto la colonna sonora) a raccontare, mostrare, rappresentare incontri a distanza ravvicinata, mondi lontanissimi che si incontrano.

trenta sale ospitano questo film, a voi la caccia al tesoro, a un film da non perdere.

buona (migrante) visione.

https://markx7.blogspot.com/2022/12/orlando-daniele-vicari.html

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.