PROFEZIA

(Roba del Pabuda…)

 

verrà il giorno,                                     

vi dico,

che anche

i peggiori

scemi leccapiedi

in televisione

faranno

discorsi intelligenti

e – sulla base

di notizie verificate

e attendibili –

imbastiranno

giudiziosi, approfonditi

e stimolanti ragionamenti.

è parola

dell’Immenso Anonimo

vergata sillaba per sillaba

su pergamena biologica

nell’antichissimo

libro sacro enciclopedico

testamentario

al capitolo decimoquarto,

intitolato “finalmente!”

redatto personalmente

dal profeta buonanima

Henry-Al-Baguri-Piao

che – ricevuto

l’incoraggiante messaggio

dallo scorbutico

Arcangelo Catrame –

sopraffatto

dall’emozione…

schiattò in un amen:

senza neanche dire “ciao!”.

ne risulta che ancor oggi

di quel giorno lì

non è chiaro

se cadrà di sabato

o di giovedì.

 

..

(nell’immagine: George Braque, natura morta 1913)

Pabuda
Pabuda è Paolo Buffoni Damiani quando scrive versi compulsivi o storie brevi, quando ritaglia colori e compone collage o quando legge le sue cose accompagnato dalla musica de Les Enfants du Voudou. Si è solo inventato un acronimo tanto per distinguersi dal suo sosia. Quello che “fa cose turpi”… per campare. Tutta la roba scritta o disegnata dal Pabuda tramite collage è, ovviamente, nel magazzino www.pabuda.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *