Ricordando Enrico (di Lance Henson)

Cagliari

See how the flamingos in winter fold into themselves


How the road from quartu glistens in the rain

Reflecting a sky of gathering gray

Tears in the sea foam
Sudden light breaking through the clouds
Now in morning after one year
Chrystalline patterns of woodsmoke
And wandering
The tolling bells of Sunday
The seas pulsing soul in the distance

Arriving stars and the bone light falling
Around us
And the ruins we carry

 for enrico pili in memoriam 
Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

2 commenti

  • Bellissima poesia. Semplice, efficace, neanche una parola di troppo. Come piace a me. Sembra di vederli i fenicotteri, la pioggia sulla strada, il cielo grigio…
    Tears/tears up, morning/mourning… Slittamenti semantici evocativi.
    Don’t ask for whom the bell tolls…
    Intimations of mortality

  • Enrico avrebbe gradito moltissimo; Mentre Sestu ha lasciato passare inosservato l’ anniversario della Sua morte San Sperate lo ha ricordato, con grande affetto e delicatezza, in occasione di Cuncambias. Così a vedere il suo volto sottolinato dall’ immancabile pipa, proiettato sullo schermo e incorniciato dalle Sue parole, sembrava che fosse ancora tra noi , scostante ma sincero, privo di maschere come sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.