Ricordando GFZ: dal 6 aprile al 18 maggio

Le giornate e la mostra per ricordare GFZ, cioè Gianfranco Zavalloni, nascono da una chiacchierata avvenuta con lui (*) sulla collina di S. Lucia, pochi chilometri sopra la sua abitazione e sede dell’Ecoistituto di via Germazzo a Cesena. GFZ veniva a vedere il parco di Artexplora con le sue attività sull’arte, la giostra di Rodari recuperata da Tinin Mantegazza, le installazioni, i lavori realizzati con i bambini, l’interno neoclassico ben restaurato della chiesa, i fiori e le aiuole che accompagnavano lo sguardo sul panorama fino al mare, le case sugli alberi. In quell’occasione parlammo di allestire una mostra dei suoi lavori artistici ma ben presto convenimmo che sarebbe stato più suggestivo e stimolante per i complessi tempi attuali allargare l’iniziativa ai temi educativi, ambientali e creativi che caratterizzavano il suo lavoro di insegnante e dirigente scolastico.
Queste settimane a lui dedicate – dal 6 aprile fino al 18 maggio – sono il seguito di quell’incontro e l’abbraccio affettuoso e riconoscente per la sua vitalità creativa, le sue idee innovative, la sua opera.
La mostra presenta una selezione dei suoi lavori artistici, in particolare disegni, qualche dipinto, illustrazioni per l’editoria, produzioni artigianali, burattini. Un rilievo particolare è per i disegni realizzati da Pascucci sulle tele della sua Antica Bottega: una serie di queste tele sono inedite. E’ una mostra non solo da vedere, ma anche “da fare”: con laboratori sulla calligrafia – con inchiostri e penne, una delle passioni educative di GFZ – ma anche laboratori di costruzioni, giocattoli, ortogiardino, pupazzi, stampa di tele, cucina naturale e altro ancora.

Le giornate dal lunedì al venerdì sono dedicate alle scuole, i sabati e le domeniche a visitatori, gruppi, famiglie. Gli incontri sono in particolare sul libro dedicato a GFZ, sui diritti dei bambini oggi, con quello che accade in questi tempi difficili, la pedagogia della lumaca, gli orti e i giardini, il dialogo multiculturale.

Claudio Cavalli, Artexplora, Cesena–S. Lucia
http://www.artexplora.it/

Iniziative in programma dal 6 aprile al 18 maggio
Opere artistiche di GF Zavalloni: disegni, dipinti, illustrazioni, opere tridimensionali in vari materiali, burattini, loghi, pubblicazioni particolari, manifesti, fotografie, tele realizzate da Pascucci su suoi disegni, ecc.
Nel percorso della mostra ci sono postazioni interattive (sulla calligrafia, con penne e pennini, calamai e inchiostri), di giochi e altro ancora.
Incontri
• «Disegnare la vita, i mondi di Gianfranco Zavalloni» presentazione del libro fresco di stampa. Interverranno gli autori.
• «La pedagogia della lumaca»: alcuni nodi educativi della società di oggi immaginando quella di domani. Tematiche tratte dall’omonimo libro che si confrontano con esperienze e visioni future.

«I diritti dei bambini, dove stanno andando?»: incontro per esaminare cosa sta accadendo dei diritti dei bambini e di quanto ruota intorno a loro dentro la crisi in cui viviamo (tavola rotonda con pedagogisti, dirigenti scolastici, ricercatori, operatori e insegnanti),
• Il manifesto degli «orti di pace»: orti e giardini, luoghi educativi e produttivi tra scuola e quartiere con Pia Pera scrittrice e fondatrice del portale “gli orti di pace”
• Il dialogo inter-religioso (con Brunetto Salvarani, direttore del Centro educazione alla mondialità e altri della rivista «Cem Mondialità»)
• I discendenti dei minatori cesenati emigrati in Brasile nel 1895: il contributo di GFZ in Brasile alla commovente scoperta delle sconosciute radici di cesenati emigrati; con Pier Paolo Magalotti, storico, ricercatore e scrittore, che da decenni promuove ricerche sui cesenati e le loro storie, soprattutto dell’’800.
Tre Laboratori per bambini, famiglie ed educatori
Ogni sabato, domenica e giorni festivi

La tela stampata a mano, condotto da Riccardo Pascucci, artista e direttore della Antica stamperia Pascucci di Gambettola (FC): il laboratorio è per gruppi misti, e utilizza gli stampi in legno disegnati da GFZ ma anche alcuni della tradizione romagnola.
• Giochi e invenzioni di legno, condotto da Claudio Cavalli di Artexplora: laboratorio di aggregazione di legni naturali, per adulti e bambini (dai 3 anni in su).
• La natura attorno: giochi, incontri, ascolti, cesti e intrecci con fibre naturali, (Istit. Tecn. Appropriate) per bambini dalla scuola primaria in su e adulti (Elena Campacci, Alberto Rabitti)
• L’orto immaginario: storie in cartoni animati, laboratorio video cartoon condotto da Leila Cavalli di Artexplora, per bambini (dai 3 anni in su) e adulti
• Ceramica e ceramica raku, condotto da Paola Farneti, per bambini (dai 4 anni) e gruppi misti;
• A caccia di parole nei prati, laboratorio di scrittura e di poesia visiva condotto da Lucietta Godi; le poesie realizzate saranno applicate a una tavoletta di legno che i bambini si porteranno a casa; per bambini dalla scuola primaria in su e adulti.
• L’autentica gallina romagnola: piccola mostra di allevamento naturale e laboratorio di creazione di biscotti con uova di gallina romagnola (i biscotti vengono cotti e mangiati da chi li ha creati) condotto da Stefano Tozzi, allevatore, naturalista, selezionatore dell’antica razza di gallina. Un omaggio alle idee sulla natura e l’ecologia di GFZ. (Per bambini dai 3 anni in su, adulti, gruppi misti).
ALTRE INFORMAZIONI SU: http://www.artexplora.it/


(*) Gianfranco Zavalloni si è laureato in Economia a Bologna ma ha successivamente dato l’esame di maturità magistrale per potere insegnare nella scuola dell’infanzia nella quale ha lavorato per 16 anni. Passato poi a svolgere un ruolo da dirigente scolastico si è impegnato a Modena, Carpegna, Moena, Pennabilli, Rimini, Gatteo e a Sogliano al Rubicone, suo ultimo incarico. Dal settembre 2008 al marzo 2012 è stato responsabile dell’Ufficio scuola del Consolato d’Italia di Belo Horizonte, in Brasile.
E’ stato anche burattinaio, sia come animatore di spettacoli del teatro di figura sia come costruttore di burattini e come organizzatore di festival (è fra gli iniziatori del Festival dei burattini di Sorrivoli). È stato un creativo e multiforme disegnatore: la sua produzione è di migliaia di disegni su album, quaderni, libri, tele, fogli sparsi, supporti diversi. Scout e dirigente dello scoutismo, educatore alla pace ed ecologista, è stato tra i fondatori del movimento dei Verdi italiani e primo consigliere comunale eletto nelle liste ecologiste nel 1985. A Cesena ha fondato e costruito materialmente l’«Ecoistituto delle tecnologie sostenibili» e ha contribuito alla nascita del movimento degli “Orti di pace”. Ha scritto molti libri, quello più noto è «La pedagogia della lumaca» (Emi editrice) giunto alla terza edizione. Ha collaborato per anni alla rivista «Cem mondialità» che quest’anno gli dedicherà un numero speciale.

 

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.