Rifiuti: la petizione contro la normativa italiana sui Css…

…. e sul co-incenerimento nei cementifici è sul portale del Parlamento Europeo

ripreso da  www.medicinademocratica.org

L’opposizione nei diversi siti di cementifici in tutta Italia ove si coinceneriscono rifiuti e “combustibili solidi secondari” ha prodotto, tra l’altro, una petizione al parlamento europeo per fermare la normativa italiana che arriva, distorcendo le direttive europee, a determinare che i rifiuti combustibili divengano dei combustibili non più rifiuti (CSS). Degli “End of Waste” alla stessa stregua della carta, dei metalli e di altre matrici riconosciuti come materie da regolamenti europei  al fine di facilitarne il riciclo.

Medicina Democratica oltre ad aderire alla iniziativa ha contribuito alla stesura del testo e al sostegno tecnico-scientifico delle motivazioni portate a sostegno.

Il parlamento europeo ha ritenuto di accogliere la petizione al fine della sua discussione e l’ha inserita nel portale della Unione Europea riconoscendo la fondatezza delle questioni sollevate.

https://petiport.secure.europarl.europa.eu/petitions/it/petition/content/0813%252F2017/html/Rifiuti+bruciati+nei+cementifici%253A+palese+violazione+dei+criteri+di+classificazione+di+%25E2%2580%259CEnd+Of+Waste%25E2%2580%259D+nella+definizione+di+CSS

(le firme in realtà sono 133 e non 23 come erroneamente riportato sul sito europeo)

Per gli iscritti al portale https://petiport.secure.europarl.europa.eu/petitions/it/home è consentita la possibilità di diventare “sostenitori” della petizione per cui, se qualcuno è interessato, può attivarsi per sostenere personalmente la causa.

su https://www.medicinademocratica.org/wp/?p=5466 IL TESTO DELLA PETIZIONE (e tutta  la documentazione allegata)

Redazione
La redazione della bottega è composta da Daniele Barbieri e da chi in via del tutto libera, gratuita e volontaria contribuisce con contenuti, informazioni e opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.